Cronaca
Commenta

Tributi locali, sei ditte pronte a partecipare alla gara per la riscossione

Riscossione tasse e tributi locali:  sei ditte hanno partecipato alla gara ad evidenza pubblica a mezzo procedura ristretta indetta dal Comune per trovare un gestore unico. La concessione con Ica Abaco scadrà a fine dicembre 2016 e vale una bella cifra: 650mila euro annuo è il valore complessivo stimato della concessione; l’imposta comunale sulla Pubblicità (I.C.P.) e il diritto sulle Pubbliche Affissioni (D.P.A.) prevedono un minimo garantito annuo pari ad 1 milione 150 mila euro. Oltre a queste voci il gestore dovrà riscuotere tutti gli altri tributi ed entrate comunali: i canoni delle case popolari, plateatici, concessioni ed operazioni cimiteriali, illuminazione votiva, rette scolastiche e mense, tassa rifiuti, assistenza domiciliare ecc. Inoltre dovrà supportare la Polizia Locale per la gestione dei verbali per violazioni al codice della strada e supportare l’Ufficio Tributi per le attività svolte in forma diretta per l’accertamento degli evasori.  La data di scadenza della gara era il 31 agosto. Questa settimana è iniziata la procedura successiva, che non sarà brevissima, vista la delicatezza e la complessità del servizio. Tra le cose che gli uffici comunali devono accertare c’è ad esempio la verifica dei requisiti delle ditte e ammissione o esclusione delle stesse; seguirà l’approvazione con determina del capitolato d’appalto e del relativo schema di contratto; la spedizione della lettera d’invito alla gara alle sole ditte ammesse; la nomina della commissione per la valutazione dei progetti, ecc.

Nel 2015 per il Comune  sono state compiute 212.510 operazioni di riscossione ordinaria, per un valore di 23 milioni 574mila euro e 14.912 riscossioni coattive per 1 milione 549mila euro, entrambi voci in crescita rispetto al 2014.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti