Commenta

'Dal libro dell’Esodo', sulla
rotta degli 'esiliati'. Domani
presentazione del volume

Domani, giovedì 27 ottobre, alle 17,30, nella Sala Eventi di SpazioComune, sarà presentato il volume Dal libro dell’Esodo (Piemme Edizioni) su iniziativa del Comune di Cremona – Centro Interculturale Mondinsieme, in collaborazione con la Tavola della Pace di Cremona, Caritas Diocesana di Cremona, Coop Sentiero, Coop Nazareth, Forum Provinciale del Terzo Settore. All’incontro, moderato dall’Assessora alla Trasparenza e Vivibilità Sociale Rosita Viola, intervengono Roberta Biagiarelli, Luigi Ottani e Michele Nardelli.

Il volume nasce dal viaggio intrapreso nell’agosto 2015 da Roberta Biagiarelli, autrice, attrice teatrale e documentarista esperta di Balcani, insieme al fotografo Luigi Ottani verso la rotta balcanica dei migranti. Camminando per una settimana sul confine greco-macedone, nel tratto di binari che collegano Gevgelija (Macedonia) a Idomeni (Grecia), Biagiarelli e Ottani realizzano un intenso reportage. Il 2015 ha segnato definitivamente l’irruzione della guerra in Europa e lo ha fatto mostrandosi attraverso chi la fugge. Un vero e proprio esodo di donne, uomini, minori, intere famiglie che abbandonano le proprie case e si mettono in cammino. Il viaggio per scappare dalla guerra ha condotto almeno un milione di profughi a cercare rifugio nel nostro continente. Le immagini e le parole del libro testimoniano la forza e la dignità umana di chi cammina. Gli “esiliati” sono consci di esercitare un diritto primordiale: attraversare i territori. Qualcosa di antico, di atavico, ma anche di assolutamente nuovo. Impreparata, divisa, incapace di individuare risposte comuni all’emergenza, dilaniata da egoismi e interessi, l’Europa ha visto implodere le proprie politiche di accoglienza. Tra i primi effetti vi è stata la ricomparsa del filo spinato, la chiusura dei confini terrestri e la politica dei respingimenti.

Il libro è arricchito con i testi e le esperienze di Cécile Kyenge, ministro per l’Integrazione nel 2013 e nel 2014, poi eletta al Parlamento Europeo, di Paolo Rumiz giornalista, scrittore ed editorialista di Repubblica, di Michele Nardelli ricercatore e saggista, di Carlo Saletti regista teatrale e ricercatore in campo storico, ed infine del giovane storico italo-siriano Ismail Fayad.
Sempre domani, ma al mattino, il volume sarà presentato all’Istituto di Istruzione Superiore “J. Torriani” di Cremona.

© Riproduzione riservata
Commenti