Commenta

Torna per la 7ª edizione
il Pmi Day, i giovani a
contatto con le aziende

Anche per il 2016 il Comitato Piccola Industria di Cremona ha aderito alla 7ª giornata nazionale delle piccole e medie imprese proposta dalla Piccola Industria di Confindustria. L’iniziativa si tiene a livello nazionale a partire da oggi 11 novembre e nelle settimane successive fino alla fine del mese. “Il progetto del Pmi Day è oramai un appuntamento consolidato nel calendario dell’Associazione e del nostro Comitato ed anche quest’anno porterà tantissimi giovani a diretto contatto con il mondo del lavoro e delle imprese nel territorio” spiega Michel Solzi, vice presidente del Comitato Piccola Industria. “E la giornata dedicata all’orientamento e alla conoscenza in cui gli imprenditori aprono le porte dei loro stabilimenti per parlare e stimolare studenti e docenti mostrando con orgoglio il cuore dell’attività e raccontare la propria storia.

Gli obiettivi principali che ci siamo dati come Piccola sono: far risaltare il tessuto imprenditoriale del territorio e diffondere una positiva cultura d’impresa; parlare, orientare e stimolare i giovani facendo conoscere le professioni impiegate e le relative competenze; trasmettere la passione che imprenditori e collaboratori mettono tutti i giorni in azienda. Per questa settima edizione a livello nazionale saranno oltre 950 le imprese coinvolte con 40.000 studenti in visita; su Cremona e provincia hanno aderito, fino ad oggi, ma abbiamo ancora alcune trattative in corso, sono 30 aziende che ospiteranno circa 1.100 tra studenti e docenti.

La risposta da parte delle imprese sul territorio devo dire che è sempre positiva e costruttiva; rispetto all’anno scorso siamo leggermente calati come numero di aziende partecipanti sono però aumentati i numeri degli studenti e dei docenti in visita, soprattutto da parte delle scuole secondarie di I°. Le aziende che non hanno potuto partecipare (circa una quindicina), si sono già prenotate per il prossimo anno, ed è stato solo per questioni di tempo (impegni di lavoro, scadenze nelle consegne, ecc.) e di lavori in corso negli stabilimenti.

Mi piace sottolineare che tra le realtà aderenti ci sia la presenza di 8 nuove aziende tra cui anche grandi imprese che hanno voluto partecipare spinte non solo per una questione etica e sociale, ma di sincero interesse verso le nuove generazioni. Per cui non solo piccole e medie imprese ma anche grandi anche per suggellare il legame indissolubile che ci unisce sia in Associazione sia sul territorio”.

“La nostra iniziativa parla ai giovani che rappresentano il capitale più prezioso del nostro paese. Vogliamo che il Pmi Day sia per i ragazzi l’occasione di vedere le imprese da una prospettiva più ampia, per conoscere cosa facciamo in azienda, ma anche il nostro impegno per la promozione della cultura imprenditoriale e per la crescita del Paese” aggiunge il presidente di Piccola Industria di Confindustria Alberto Baban. “Il Pmi Day ha creato negli anni un link concreto tra imprese e mondo della scuola che oggi, oltre che con l’obbligatorietà dell’alternanza scuola-lavoro rappresenta un presupposto fondamentale per condividere efficaci progetti comuni quali il Lean Management, la legalità e la tutela del Made in”.

Il Pmi Day è stato inserito nel calendario del Salone dello Studente e come novità è stato possibile mettere a disposizione di alcune scuole partecipanti lo strumento dei Percorsi Sperimentali ovvero: poter sviluppare il Pmi Day in più momenti oltre alla visita, che prevedono un incontro preparatorio in accordo con l’impresa ospitante ed uno successivo di raccolta degli obiettivi. Contestualmente agli impegni dell’Informagiovani ai percorsi sperimentali sono state coinvolte 2 Istituti Comprensivi (Castelverde e Vescovato con 5 scuole) e 2 istituti tecnici (Einaudi e Torriani).

© Riproduzione riservata
Commenti