Commenta

Rinnovabili, maxi-acquisizione
di Swisspower: sei impianti
in provincia di Cremona

Maxi-acquisizione nel settore delle energie rinnovabili da parte della società svizzera Swisspower e tra i 27 impianti comprati, sei sono in provincia di Cremona. Con la maxi acquisizione di 27 centrali – 21 idroelettriche, 3 parchi eolici e 3 impianti fotovoltaici – Swisspower Renewables AG continua a puntare sull’Italia, mettendo a segno una delle più importanti operazioni nel campo delle energia rinnovabili e raddoppiando i propri impianti sul territorio. Dei 27 impianti acquistati 16 si trovano in Lombardia. Sei quelli in provincia di Cremona: più precisamente due a Genivolta, e nelle località di Isola Dovarese, Rivolta d’Adda, Crema e Montodine.

Con questa operazione si conferma l’interesse che la società elvetica, e le 11 aziende municipalizzate che la detengono, nutrono per il nostro Paese. Investendo strategicamente in Italia in energia idroelettrica, eolica e solare, l’operato dell’azienda si inquadra nei progressi che il Paese ha conosciuto in questi anni sul fronte delle rinnovabili, divenendo uno dei principali produttori in Europa: a giugno 2016, infatti, la quota di produzione di energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili ha superato quella da fonti fossili.

La transazione, che prevede anche lo sviluppo di otto nuove centrali idroelettriche attualmente in fase di progettazione, ha visto protagonista, oltre a Swisspower Renewables AG, il gruppo Sorgent.e, proprietario degli impianti, partecipato da Solfin, Ambra Verde 3 e Lithos.

L’investimento dell’azienda coinvolge diverse regioni italiane: dei 27 impianti acquisiti da Swisspower Renewables AG, infatti, le 21 centrali idroelettriche sono situate in Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte; 16 di queste sono già attive, mentre 2 saranno presto messe in funzione e altre 3 attendono di essere ultimate.

I 3 parchi eolici, per un totale di 18 turbine, sorgono tra Campania e Basilicata. I piccoli impianti fotovoltaici si trovano invece in Veneto, Puglia e Calabria.

“La ricerca di impianti per la produzione di energia rinnovabile cade inevitabilmente sull’estero dal momento che in Svizzera il rapporto qualità/prezzo e le opportunità non sono soddisfacenti – dichiara Felix Meier, CEO di Swisspower Renewables AG – Si tratta di una delle più grandi transazioni effettuate negli ultimi anni in Italia per quanto riguarda l’energia idroelettrica. Grazie al nostro investimento, saremo in grado di aumentare di oltre un terzo la produzione di energia in Italia e in Germania. L’Italia, in particolare, è un Paese con un altissimo potenziale e, per questa ragione, stiamo lavorando per aprire la strada a ulteriori investimenti futuri”.

Con tale operazione l’azienda entra nel novero delle tre più grandi compagnie svizzere che producono energia rinnovabile all’estero, e tra le prime due in Italia che investono in idroelettrico. Al momento, la capacità degli impianti acquisiti in Italia ammonta a un totale di circa 73 MegaWatt, da cui, una volta a regime, si prevede di ricavare una produzione di circa 250 GWh. In questo modo la produttività totale di Swisspower Renewables AG, contando i già presenti parchi eolici in Germania e i numerosi impianti idroelettrici nel Nord Italia, salirà a 640GWh all’anno, raggiungendo gli obiettivi strategici definiti nel 2011, anno della sua costituzione.

© Riproduzione riservata
Tags
Commenti