5 Commenti

Lite fuori dal Carrefour, alla
Casa dell'accoglienza e ai
Giardini: nei guai marocchino

Altro episodio inquietante dopo quello dell’ubriaco che due notti fa ha sfondato la vetrina della cappelleria Soldi. Sabato pomeriggio, sempre nella stessa zona, un altro soggetto ha creato un bel po’ di problemi, dapprima venendo quasi alle mani con il responsabile della vigilanza del Carrefour che gli impediva di entrare avendo già commesso furti in passato; poi alla Casa dell’accoglienza e infine, ormai a notte inoltrata, in piazza Roma. Tutto inizia al supermercato di via San Tomaso, quando la Volante della Polizia interviene su sollecitazione del responsabile che aveva vietato l’ingresso all’uomo, un 24enne di origine marocchina, con regolare permesso di soggiorno, già noto alle forze di polizia per una lunga serie di reati, furti, rapine, maltrattamenti. L’alterco degenera rapidamente, il maroccchino minaccia di morte il vigilante e viene portato in Questura. Qui gli agenti gli trovano in tasca un taglierino e pertanto scatta la denuncia per porto di oggetti atti ad offendere. Non è finita: l’uomo si reca alla Casa dell’Accoglienza, dove forse conosce qualcuno (pur non essendo lui stesso un ospite) e attacca briga con altri immigrati: spunta anche una lama con cui ferisce lievemente uno di essi. Più tardi – ormai è l’una di notte – lo stesso individuo viene segnalato in piazza Roma, in evidente stato di ebbrezza, nei pressi del Chocolate Cafè dove in quel momento si trovano parecchi giovani. Il 24enne è in preda all’alcool e – si scoprirà di lì a poco – anche a dei farmaci che ne alterano il comportamento. Per evitare altri guai i poliziotti allertano il 118 e lo portano al Pronto Soccorso, dove gli viene riscontrata l’assunzione di farmaci che mischiati all’alcol lo hanno trasformato in una vera mina vagante. L’uomo viene dimesso alle 3 di mattina; sono in fase di valutazione altri provvedimenti.

g.b.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sorcio Verde

    L’unico provvedimento che TUTTI, ripeto TUTTI si auspicano è il rimpatrio immediato nelle terre marocchine, dove non c’è guerra, dittatura, isis o qualsivoglia scusa !

  • disqus_jQeGIpbFH9

    Buttatelo nel grande fiume con una pietra al collo!

    • Martello

      Perché inquinare

  • Ronni

    Risorse……..

  • Clem Filo

    Il consiglio d’Europa critica l’italia per i pochi rimpatri e rischia di incoraggiare l’afflusso di un gran numero di migranti economici ( e delinquenti aggiungo) e Gentiloni non accetta lezioni. Ma si vergogni! Impari dai paesi che hanno risolto in parte il problema. Questo governo è pieno di certezze, ma lo sono anche le nostre quando andremo a votare. Buffoni!