Cronaca
Commenta

Diabete pediatrico: dal 9 al 14 aprile a Cremona scuola internazionale ricercatori

Dal 9 al 14 aprile a Cremona si terrà la 17° edizione della Scuola per Ricercatori, importante evento formativo internazionale dedicato al diabete infantile. Organizzato dalla Società internazionale per il diabete pediatrico ed adolescenziale – Ispad, vede l’importante collaborazione della unità operativa di Pediatria dell’Asst di Cremona, diretta da Claudio Cavalli.

Durante la settimana formativa i ricercatori – provenienti da tutto il mondo – avranno la possibilità di frequentare la Pediatria dell’Ospedale di Cremona, riconosciuta a livello internazionale come centro di eccellenza per la cura del diabete pediatrico. E’ quindi motivo di orgoglio per la UO di Pediatria dell’Asst di Cremona, aver contribuito all’organizzazione della Scuola di quest’anno, grazie all’impegno di Andrea Scaramuzza, pediatra, responsabile dell’ambulatorio di Diabetologia e Endocrinologia pediatrica e tesoriere dell’Ispad.

Lo scopo della Scuola per Ricercatori Ispad è quello di fornire a giovani medici pediatri, under 40 e con un forte interesse per il diabete pediatrico, l’opportunità di sviluppare le proprie competenze nella ricerca sul diabete nei bambini e negli adolescenti. Insieme con gli aspetti fondamentali del diabete (chetoacidosi diabetica e la sua gestione,complicanze microvascolari e macrovascolari, esercizio fisico, alimentazione, prevenzione con immunoterapia, etiopatogenesi, ecc), vi sarà un approfondimento dell’approccio tecnologico alla gestione del diabete e alla sua terapia, con momenti di approfondimento frontale, ma anche lavori in piccoli gruppi, con la possibilità di toccare con mano queste tecnologie.

I partecipanti, inoltre, avranno modo di approfondire lavorando in piccoli gruppi, fianco a fianco con i membri della Faculty, provenienti anch’essi da tutto il mondo e fra i più insigni diabetologi pediatri, i progetti di ricerca, fra i quali verrà identificato il migliore a cui assegnare un contributo di 25.000 dollari offerto dalla Juvenile Diabetes Research Foundation.

© Riproduzione riservata
Commenti