Commenta

Sabato pomeriggio
l’ingresso dell’arcivescovo
Perego a Ferrara

Dopo sessantatré anni un altro cremonese varca la soglia dell’arcidiocesi di Ferrara-Comacchio: sabato 3 giugno, infatti, è il giorno dell’ingresso dell’arcivescovo Gian Carlo Perego, originario di Agnadello. Lo annuncia il sito della Diocesi di Cremona. Perego è stato ordinato vescovo lo scorso 16 maggio nella Cattedrale di Cremona, mentre la nomina era arrivata il 15 febbraio.

Intensa la giornata del 3 giugno a Ferrara, con il primo momento ufficiale alle 15 al casello autostradale di Ferrara-sud, dove il Presule si tratterrà per un breve momento di preghiera, mentre a quell’ora le campane di tutta l’arcidiocesi suoneranno a festa. Quindi il trasferimento alla Basilica di San Giorgio fuori le mura per un incontro con le istituzioni e i giovani.

Poi il trasferimento a Palazzo Arcivescovile: qui, dal portone principale, pochi minuti prima delle 17, inizierà la breve processione verso la Cattedrale. A presiedere il rito di insediamento l’arcivescovo di Bologna, mons. Matteo Maria Zuppi. Tra le tante autorità religiose presenti anche il vescovo Antonio Napolioni che il 6 maggio presiedette l’ordinazione episcopale dell’arcivescovo Perego. Al termine della Messa in Palazzo Arcivescovile mons. Perego saluterà le autorità.

Domenica 4 giugno la giornata sarà dedicata alla comunità di Comacchio. Le due Chiese – Ferrara e Comacchio – furono infatti unite “in persona episcopi” il 15 luglio 1976, con la nomina di Filippo Franceschi. Il 30 settembre 1986, in forza del decreto “Instantibus votis” della Congregazione per i Vescovi, fu stabilita l’unione delle due diocesi e la nuova circoscrizione ecclesiastica ha assunto l’attuale nome.

Alle ore 10.30, nella sede del Comune, Perego incontrerà le istituzioni locali; alle 11 nella Concattedrale di San Cassiano presiederà la Messa solenne. Alle 12.30 nel cortile della Parrocchia i saluti e il rinfresco, mentre alle ore 16 l’arcivescovo è atteso al Molo di Porto Garibaldi per “La Madonna va in mare”, processione di barche e omaggio alla Vergine dei marinai.

La domenica successiva, 11 giugno, Perego porterà il saluto alla comunità di Pomposa: alle 10.30 nel Palazzo della Ragione l’incontro con le istituzioni locali e alle 11 nell’Abbazia di Pomposa la Messa solenne. Nel pomeriggio, alle 15.30, la visita al Boscone della Mesola e alle 16.30 all’Abbazia di Pomposa “Preghiera e musica” con la partecipazione di alcune corali parrocchiali del Vicariato.

L’agenda del nuovo arcivescovo di Ferrara-Comacchio prevede già diversi appuntamenti per un primo incontro con le realtà locali. Martedì 6 giugno mons. Perego si recherà nella Casa Circondariale di Ferrara; giovedì 8 visiterà l’Ospedale Sant’Anna a Cona; venerdì 9 giugno conoscerà Caritas e Migrantes, servizi a cui ha dedicato gran parte della propria missione sacerdotale. Perego è stato infatti direttore della Caritas diocesana di Cremona dal 1997 al 2002, quando venne chiamato a Roma presso Caritas Italiana come responsabile dell’Area nazionale. Nel 2006 venne incaricato da Caritas Italiana di istituire un Centro documentazione unitario con Migrantes e di curare la nascita dell’Archivio per la storia della Caritas in Italia. Il 1° dicembre 2009 la nomina a direttore generale di Fondazione Migrantes, cui dal 2012 ha affiancato anche l’incarico di consultore del Pontificio Consiglio per i migranti e gli itineranti.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti