11 Commenti

'Nuove strade assurde in una
città inquinata, per questo
diciamo no alla strada sud'

Lettera scritta da Elia Sciacca - Meetup storico M5S di Cremona

Egregio direttore,

ci sono state diverse lettere che hanno affrontato il problema della realizzazione o della definitiva eliminazione del progetto della strada Sud. Dagli ultimi riscontri trapelati sulla stampa, sembrerebbe che uno studio commissionato dalla precedente amministrazione abbia evidenziato più negatività che positività nella sua realizzazione; inoltre, non c’è nessuna certezza che con la strada Sud l’inquinamento ed il traffico in via Giordano e zone limitrofe possano realisticamente diminuire, essendo tali ipotesi sono poco attinenti con la realtà e difficilmente dimostrabili.

Riteniamo che in una città assediata dall’inquinamento come Cremona, l’idea di “smaltire il traffico” costruendo altre strade sia anacronistica ed alquanto assurda. Abbiamo bisogno di piste ciclabili protette, di potenziamento del trasporto pubblico, di implementazione di macchine ibride nell’attesa di quelle elettriche con le relative colonnine di ricarica veloce e, soprattutto, di evitare ulteriore consumo e degrado del suolo, come previsto dalla legge regionale n. 31 del 28 novembre 2014, che introduce nel governo del territorio nuove disposizioni mirate a limitare il consumo di suolo e a favorire la rigenerazione delle aree già urbanizzate, e come ribadito ulteriormente con la recentissima legge n. 16 del 26 maggio 2017.

Infine, bisogna tenere in dovuto conto che in data 31 ottobre 2017 il sindaco Galimberti, in accordo con il suo programma, ha confermato ai promotori del No alla strada Sud, forti dell’avallo di ben 7.000 firme, che l’opera verrà stralciata, dichiarando a chiare lettere: “La nostra visione della città non prevede altro cemento.” E speriamo che lo ricordi sempre.

Noi siamo favorevoli al paradigma che il suolo è una risorsa non rinnovabile e che l’obiettivo prioritario di riduzione del consumo di suolo si concretizza nell’orientare le trasformazioni urbanistico-edilizie non più verso le aree libere, ma operando sulle aree già urbanizzate, degradate o dismesse, da riqualificare o rigenerare, e pertanto ribadiamo il nostro dissenso alla realizzazione della strada Sud.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • holos

    Perché la Lanfredi non si occupa di cose importanti come la strada sud e scrive solo baggianate?

  • Michele Aglio

    Non si tiene conto che il traffico non è solo smog, ma anche rumore e occupazione. Via Giordano tornerebbe ai residenti e alle attività commerciali. Non ai fanno piste ciclabili in tangenziale… 😞

  • Guido Omodei

    due domande :
    IL sig .Elia dove abita?
    Parla a nome personale o ufficialmente M5S?

  • Illuminatus

    Non ricordo tanta opposizione all’inutilissima autostrada per Bosco ex Parmigiano… c’è forse qualcosa che mi sfugge?

  • Sorcio Verde

    Cosa vuol dire meetup storico, ce ne sono altri più moderni, piú nuovi o meno storici? Chi rappresenta costui?
    I grillini dovrebbero prima occuparsi dei loro grandi problemi interni invece di occuparsi di strade.

  • Marco Davide Nolli

    Mia cara signora, prima di parlare perchè non viene a vedere in che situazione vivono i residenti di via Giordano, costretti ogni giorno a sopportare tutto lo smog che rende l’aria irrespirabile ed il rumore assordante di tutte le auto che passano e di come sia quasi impossibile attraversare a piedi la strada. Questa amministrazione ha avuto più di 3 anni per trovare delle soluzioni ed invece si è ancora qui a parlare se fare o meno la strada Sud, che la giunta Corada era propensa a realizzare col nome di Strada del Parco. Siamo stufi di parole, vogliamo dei fatti !!

  • Corvorosso

    Come direbbe Grillo.. ma vaffa…

    • un fascio di luce

      … vedremo quanti voti e quanti vaffa ha preso alle regionali online dei pentastellati. Certamente non avranno problemi a pubblicarli, dato che loro sono contro ogni sotterfugio..

  • Nicola

    Io immagino che una volta realizzata la strada Sud il traffico si dividerebbe tra le due arterie Giordano e Sud: traffico lento-leggero e ciclabili in Giordano, pesante più rapido sulla Sud. Però la Sud non dovete farla finire sul rondò di Viale Concordia perché ti manda al collasso Viale Concordia e disturba l’Ospedale. Va fatta finire 500 metri avanti sulla rotondina della “tangenzialina”. In pratica la tangenziale sud la userà solo chi va verso Casalmaggiore , San Daniele ecc…non certo chi dovrà prendere l’A21. (opinione)

  • un fascio di luce

    “il suolo è una risorsa non rinnovabile …. l’obiettivo prioritario di riduzione del consumo di suolo” …. bei tempi quelli in cui ai politici stava a cuore la salute dei cittadini e non di attribuirsi meriti altrui, con “meetup storici” di non più di qualche mese. ma state a casa, fate i pensionati,andate al bar a giocare a carte, girate in bicicletta tutto il giorno e, alla sera, smettete di fare gli haters sentendovi giovani e innovativi! l’inquinamento a cremoa arriva dal milanese (e Bordi, facente sempre parte del nuovo “meetup storico” lo sa bene).

    cosa pensate di fare per far scendere i livelli di smog? perchè non proporre di fermare Milano e il suo interland, industrie, auto, far spegnere il riscaldamento a tutti, andare in bicicletta a tagliare la legna, risolvendo così anche il problema del decoro urbano del verde e dello smaltimento degli scarti vegetali, chiudere i supermercati, fermare i camion e il trasporto su ruota altamente inquinante. da ultimo non dimenticatevi di fermare il dittatore della Corea del Nord o chi per lui (e magari i cugini transalpini con le loro centrali nucleari) e gli esperimenti nucleari, dato che, oltre allo smog, siamo nel mezzo di una nube radioattiva da almeno un mese… ma per questo aspettiamo che la solita Coldiretti dica al telegiornale di non mangiare più i nostri ortaggi.

    sono certa che se i 7000 che han firmato la petizione avessero figli e nipoti che abitano in via giordano, cambierebbero idea! ipocriti al pari di chi voleva l’energia nucleare a basso prezzo ma non le centrali nucleari.

  • Simone

    Io penso che già solo modificando il tempo del rosso del semaforo di via del Sale (che passano 3 auto di numero e diventa subito rosso), migliorerebbe un poco la situazione. Il traffico maggiore proviene proprio da la e si forma un serpentone infinito di auto bloccate a quel semaforo. Poi il resto di via Giordano mi sembra abbastanza fluido, se non per qualche imbranato che non sa come funzionano le corsie di canalizzazione ai semafori e crea rallentamenti…