Cronaca
Commenta

Giorno della Memoria, le iniziative in programma a Cremona

Diverse iniziative a Cremona in occasione della Giornata della Memoria. A partire da quella promossa dall’Archivio di Stato per sabato 27 gennaio alle 17, ‘Per non dimenticare’, con la presentazione del volume di Libero Accini, ‘Organizzazione Bianco’, e con l’inaugurazione della mostra documentaria e bibliografica ‘Testimonianza Mario Coppetti’. Per l’occasione interverranno Emanuela Zanesi, Gian Carlo Corada, Fausto Malinverno, Carmine Lazzarini, Elisa Chittò. Seguirà un momento di letture con il celebre attore Dario Cantarelli.

Al Teatro Filodrammatici, invece, alle 21, appuntamento con ‘L’ora blu della fiaba’  uno spettacolo creato da Massimiliano Filippini e Ahava Noham Katzin che vuole essere un omaggio ed una esplorazione del mondo culturale e storico ebraico attraverso il racconto della vita di Ilse Weber e l’esecuzione di musiche tradizionali di questo popolo.

Ilse Weber, poetessa, musicista ebrea di origini Cecoslovacche fu internata nel febbraio del 1942 nel ghetto di Theresienstadt dove divenne infermiera del reparto medico pediatrico del campo e successivamente deportata ad Auschwitz dove sacrific? la sua vita per non abbandonare i bambini del ghetto quando vennero portati alle camere di gas.

Lo spettacolo è diviso in due parti. La prima parte è una composizione musicale teatrale scritta da Massimiliano Filippini ispirata dalle musiche composte da Ilse Weber per i bambini dell’ospedale di Theresienstadt miracolosamente giunte a noi. Per voce recitante, soprano e chitarra. La seconda parte è una raccolta di musiche tradizionali tratte dalla cultura ebraico-israeliana dalle molteplici origini. Si passa dai canti biblici a brani popolari e tradizionali arrangiati da Massimiliano Filippini per chitarra e soprano.

“Celebrare il Giorno della Memoria non è unicamente una ricorrenza internazionale per commemorare le vittime dell’Olocausto e non lasciare al contempo che il passare del tempo cancelli gli orrori della Shoah, ma rappresenta un monito costante per tutti noi affinché le Istituzioni, i cittadini, ogni singolo individuo si adoperi per non dimenticare il passato e si impegni per difendere valori ed ideali quali libertà, giustizia, pluralismo, integrazione, multiculturalità ed integrazione ponendo al centro l’uomo ed i sui diritti universali in ogni azione quotidiana” commenta il presidente della Provincia di Cremona, Davide Viola. E’ sempre più auspicabile che i giovani, e non, visitino quei luoghi dove si svolsero i più scellerati crimini ed orrori che l’uomo abbia compiuto nella storia. Solo vedendo non si dimentica, solo capendo ed informandosi non si creano quelle condizioni di oblio ed indifferenza che possono contribuire a creare condizioni fertili per l’omologazione del pensiero ed il decadimento dei valori umani”.

© Riproduzione riservata
Commenti