Politica
Commenta11

Malvezzi fuori dal Consiglio regionale: la città capoluogo non sarà rappresentata

Carlo Malvezzi, record di preferenze in città, ma non nel collegio (3.852 voti) paga la debolezza complessiva di Forza Italia ed esce dal consiglio regionale. I tre posti per la provincia di Cremona dovrebbero andare a Lega, M5S e Pd, i tre partiti che hanno ottenuto il maggior numero di voti. Dunque dovrebbe essere certa l’elezione di Matteo Piloni, Pd, 4218 preferenze; Marco degli Angeli (M5S, 283 voti); Federico Lena, 1412 preferenze, consigliere uscente Lega Nord. Nel caso per il meccanismo dei resti dovessero andare due seggi alla Lega, oltre a Lena e al posto del consigliere M5S entrerebbe l’assessore regionale uscente, soncinese, Cristina Cappellini, che ha totalizzato 1221 voti, appena due in più del sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni. Il quale potrebbe essere comunque ripescato se la Cappellini dovesse essere chiamata in Giunta dal neo presidente Fontana, liberando così un posto in Consiglio. Sembrerebbe uscito dai giochi il cremonese Federico Balestreri, candidato M5S che ha preso 252 voti. Stando così le cose, la città capoluogo potrebbe quindi non avere nssun rappresentante in consiglio regionale a differenza di quanto avvenuto finora.

Stando alle previsioni non ancora ufficializzate, il consiglio regionale sarà così composto: 28 seggi alla Lega Nord, 14 Forza Italia, 4 Fratelli d’Italia; 1 seggio alla Lista Fontana a 1 a Noi per l’Italia. Per la minoranza: 16 seggi al Pd, 2 Lista Gori, 11 i Cinque Stelle, 1 a +Europa. g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti