Commenta

Cremonese: infermeria
piena, si ferma
anche Claiton

foto Sessa

Piove sul bagnato in casa Cremonese. Tesser in settimana ha perso Almici e Procopio e si è ritrovato di fatto senza ricambi per quanto riguarda i terzini, con i soli Cinaglia e Renzetti a disposizione. Per la sfida di sabato, l’allenatore grigiorosso sta studiando novità di formazione, per porre rimedio alle assenze. Marconi, più adatto per caratteristiche a prendersi cura del velocissimo Kouame, partirà titolare al posto di Claiton. Anche perché il difensore brasiliano giovedì in allenamento, in seguito a un pestone, ha riportato la frattura di un osso sesamoide del piede destro, che lo costringerà a rimanere fermo per alcuni giorni, durante i quali si sottoporrà a ulteriori accertamenti strumentali per definire i tempi di recupero.

Castrovilli potrebbe giocare assieme a Piccolo, ma come mezzala destra, con l’ex dello Spezia dietro il tandem d’attacco. E proprio nel reparto avanzato potrebbero esserci altre novità, con Gomez completamente recuperato e in lizza per un posto da titolare, al fianco di Scappini. Difficile, infatti, l’impiego dal primo minuto di Brighenti, rimasto fermo giovedì a causa di un virus influenzale. Il capitano già venerdì dovrebbe rientrare in gruppo.

Cremonese-Cittadella non può essere una partita come tutte le altre. Per tanti motivi. I grigiorossi stanno attraversando il momento più delicato della stagione. Nelle ultime 7 partite non hanno mai vinto, raccogliendo solo 4 punti, e devono dunque tornare al successo ad ogni costo. In passato la sfida contro i veneti è costata dolori (su tutti la finale playoff persa nel 2008), ma ha saputo anche regalare emozioni forti, come nel match d’andata al Tombolato. Proprio quella sfida, con gli uomini di Tesser capaci di vincere all’ultimo secondo in nove contro undici, non è mai stata digerita da Venturato e i suoi uomini, i quali sabato allo Zini vorranno riscattarsi in ogni modo.

I numeri parlano di un Cittadella che in trasferta ha vinto 9 gare, ottenendo finora 29 punti. Nessuno in B ha fatto meglio lontano da casa. Nelle ultime 4 uscite, Iori e compagni hanno incamerato 10 punti: un dato che fa capire bene lo stato di forma di una squadra salita al terzo posto in classifica, a sole 3 lunghezze di distanza dalla A diretta, aspettando i vari recuperi ancora da disputare.

In settimana Giammarioli ha chiesto compattezza. Squadra, società e tifosi devono rimanere uniti per superare assieme questo momento negativo: questo il messaggio del ds grigiorosso. A 13 giornate dal termine del campionato i punti iniziano a pesare il doppio e non muovere la classifica può diventare pericoloso.

Mauro Maffezzoni

© Riproduzione riservata
Commenti