Commenta

Mcl inaugura a Cremona
nuova struttura per
i servizi alla persona

Data da ricordare sabato 10 marzo 2018 per tutto il Movimento Cristiano Lavoratori (Mcl) del territorio che ha ufficialmente inaugurato la struttura di servizi alla persona di Cremona città in Via Tofane 18 – quarta struttura operativa attiva su tutto il territorio, la prima nel capoluogo della provincia – alla presenza del Vescovo di Cremona, Antonio Napolioni e del presidente nazionale dell’associazione Carlo Costalli .

“Segnale molto importante dato dal Movimento in un periodo storico in cui si intravede qualche segnale di ripresa macroeconomica ma nel quale regnano ancora povertà diffuse in tutte le fasce di età della gente che ci circonda che quindi va ascoltata, incontrata e aiutata” evidenziano gli ideatori. “Il Mcl, che ha da poco compiuto 45 anni di vita associativa – data di fondazione 08 dicembre 1972 – , ha da qualche anno intensificato la sua presenza nei territori della nazione per essere sempre più movimento tra la gente e per la gente”.

A Cremona il movimento conta in totale 4 strutture operative attive oltre ai 20 circoli dislocati nelle comunità di riferimento. “Strutture dove il nostro team di collaboratori lavora pratiche di assistenza fiscale (tramite il Caf Mcl), di patronato (attraverso il Sias Mcl) , di assistenza di lavoratori stranieri (attraverso l’Als Mcl), di gestione del servizio colf e badanti, di attenzione all’inserimento nel mondo del lavoro della popolazione giovanile (attraverso il servizio Pronto Lavoro Mcl) e molto altro” spiegano ancora i promotori.

Al pomeriggio di festa  erano presenti anche il parroco della parrocchia cremonese di riferimento di San Michele Vetere, don Aldo Manfredini, il presidente della provincia di Cremona Davide Viola, l’assessore al welfare del comune di Cremona Mauro Platè in rappresentanza del sindaco Gianluca Galimberti, Carlo Malvezzi e altri rappresentanti di associazioni, cooperative, gruppi del terzo settore operanti nel territorio cremonese.

Il prefetto di Cremona Paola Picciafuochi, non potendo essere presente, ha mandato uno scritto di compiacimento per l’iniziativa. Molto nutrita la presenza di dirigenti, soci e simpatizzanti del Mcl provenienti da tutte le  sedi della Lombardia dove il Movimento e’ presente e sviluppa la sua azione.

“Siamo molto contenti di essere arrivati a Cremona e di metterci ulteriormente a servizio della diocesi cremonese,che già serviamo in paesi e comunità della diocesi stessa che sono al confine con altre province attraverso rapporti con comuni, enti e associazioni” ha detto il presidente Mcl del territorio, Michele Fusari. “Ma siamo anche al servizio del Vescovo Antonio, del quale apprezziamo il carisma e lo stile pastorale di fratellanza verso tutti, che ne caratterizza il ministero episcopale e che ringraziamo per la presenza e per il sostegno e lo stimolo, delle istituzioni e delle associazioni che in città operano alle quali ci accostiamo con la massima umiltà e la volontà di camminare insieme con spirito di servizio verso la collettività. A nome della dirigenza Mcl del nostro territorio, esprimo un caloroso ringraziamento al nostro presidente nazionale Carlo Costalli: la sua presenza con noi e le sue belle parole hanno ulteriormente testimoniato un legame particolare che da sempre contraddistingue il rapporto tra la struttura centrale del movimento e la nostra”.

© Riproduzione riservata
Commenti