Commenta

Una targa al canile per la
volontaria Valentina Viero
Quattro intitolazioni in città

La giunta ha approvato il lavoro della commissione toponomastica con nuove intitolazioni a Cremona. Individuato lo spazio verde a Bagnara in periferia, da intitolare a Rosa Mariani, celebre contralto cremonese del primo ‘800, la cui proposta era arrivata in commissione toponomastica dal Soroptimist. Invece a Cremona sarà apposta una targa al canile per ricordare Valentina Viero, la giovane veterinaria deceduta in un tragico incidente stradale nel 2014. Il consigliere Andrea Sozzi aveva proposto in consiglio comunale la sua intitolazione al canile, mozione che era stata approvata all’unanimità. Sarà invece collocata nel viale del cimitero dedicato a chi si è distinto in campo artistico letterario, una stele dedicata a Ferruccio Monterosso, umanista, italianista e filologo morto nel 2015. Infine quel tratto di pista ciclopedonale che collega via Giordano a via Bosco sarà denominato dei Mouròon, per via dei numerosi gelsi che costeggiano questo tratto.

La proposta è stata recepita questa mattina dalla Giunta su indicazione dell’assessore Rosita Viola. Rosa Mariani (1799-1832) fu una delle più celebri cantanti del primo Ottocento, acclamata per la sua splendida voce di contralto e le non comuni doti sceniche nei maggiori teatri italiani ed esteri come attestano le cronache musicali dell’epoca e i numerosi encomi poetici in suo onore. Anche Stendhal nella Vie de Rossini la ricorda come “le plus beau contralto existant”.
Denominata “Pista ciclopedonale dei mouròon” il tratto di strada situata sopra il Cavo Morta compreso tra via del Giordano e via Ciclabile del Bosco.
L’intitolazione a Valentina Viero (1987 – 2014) era stata deliberata dal Consiglio Comunale unanimemente nella seduta del 23 febbraio 2015.
Il ricordo di Ferruccio Monterosso (1929 – 2015) era stato sollecitato dal professor Angelo Rescaglio, primo firmatario della richiesta: “Ferruccio Monterosso – scriveva –  è stato uomo di scuola e maestro di letteratura che ha animato con pagine scritte commentate nel tempo da intellettuali di frontiera e proposte ad un vasto pubblico di lettori, per la ricchezza dei contenuti e la dignità stilistica”.

S.Galli

© Riproduzione riservata
Commenti