2 Commenti

Assuntori di droga, raffica
di segnalazioni alla Prefettura
e una donna denunciata

Raffica di segnalazioni alla Prefettura di assuntori di sostanze stupefacenti, da parte dei Carabinieri di Cremona, agli ordini del Maggiore Rocco Papaleo, che da tempo portano avanti periodici controlli finalizzati al contrasto dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti.

Le verifiche effettuate tra la sera di giovedì 13 quella di venerdì 14, hanno portato alla segnalazione di un barista cremonese 20enne e un operaio 21enne cremonese, beccati in viale Concordia in possesso di 2 grammi di marjuana. In via Dante è stato invece fermato e segnalato un 38enne tunisino, domiciliato a Cremona, trovato in possesso di un grammo di eroina. Sempre nella stessa via beccati anche un libero professionista 31enne ed un cameriere 30enne, entrambi cremonesi, che avevano con sè 2 grammi di cocaina. Infine sempre in via Dante segnalato anche un 25enne del Gambia, ospite presso una casa dell’accoglienza, trovato in possesso di 3 grammi di hashish.

Da un controllo in viale Po beccati invece: un disoccupato 20enne cremonese con un grammi di eroina e un’operaia 46enne di Spinadesco con un grammo di cocaina nascosto in borsetta. Le sostanze stupefacenti sono state sottoposte a sequestro.

Inoltre una donna è stata denunciata per il rifiuto di sottoporsi all’accertamento sullo stato di alterazione psicofisica correlata all’uso di sostanze stupefacenti. I Carabinieri avevano fermato la 42enne, P.I., nata e residente a Cremona, mentre transitava su viale Po alla guida della propria autovettura. La donna si era però rifiutata di seguire i militari presso l’ospedale, al fine di essere sottoposta all’accertamento relativo al suo palese stato d’alterazione, dovuto all’uso di sostanze stupefacenti.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mirko

    Una città di stranieri e drogati……direi ottima prospettiva per il futuro

  • MENCIA

    Ganese si e’ integrato bene in Italia ha capito come funziona qua , vitto e alloggio pagato si spaccia per i soldi per i vizi, dove vai a stare meglio di qua