9 Commenti

Cremona e il Museo del
Violino protagonisti al
Salone del Mobile di Milano

Cremona e il Museo del Violino sono protagonisti al Salone del Mobile di Milano che inaugura la 57esima edizione – dal 17 al 22 aprile – con un nuovo Manifesto ed importanti obiettivi: qualità sostenibile, collaborazione, inclusione e condivisione, valorizzazione del talento dei giovani e del patrimonio culturale.
Lunedì 16 aprile, nella Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale, in occasione della cena di apertura della rassegna, Lena Yokoyama eseguirà infatti alcuni brani dalle Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi con il violino Antonio Stradivari Lam ex Scotland University del 1734. Lo strumento, appartenente alla collezione di Eva ed Arthur Lerner Lam, è esposto al Museo del Violino nell’ambito del network internazionale friends of Stradivari.

Le Quattro Stagioni, pubblicate intorno al 1725 e quindi pressoché coeve al violino, sono state scelte in sintonia con “Living nature. La natura dell’abitare” l’installazione commissionata dal Salone del Mobile allo studio CRA Carlo Ratti Associati, allestita a Milano in Piazza  Duomo, dove in circa 15 minuti si potranno vivere contemporaneamente l’inverno, la primavera, l’estate e l’autunno. In un unico ambiente di 500mq, concepito con criteri di risparmio energetico, verranno infatti racchiusi quattro microcosmi naturali e climatici che permetteranno alle quattro stagioni dell’anno di coesistere nello stesso momento, l’una accanto all’altra.

Una vetrina d’eccezione per la città e per il Museo del Violino che rinsalda ancora una volta il rapporto in atto con la città di Milano e che si inserisce in una sinergia più ampia con Federlegno Arredo, organizzatrice del Salone del Mobile a Milano, a Shanghai e del WorldWide a Mosca.

“Il legno è sicuramente un materiale che Cremona nei secoli e ancora oggi ha saputo e sa esaltare facendone violini straordinari, strumenti di bellezza e di suono, e vere e proprie opere d’arte come il prezioso armadio del Platina conservato alla nostra Pinacoteca” ha detto il sindaco di Cremona e Presidente del Museo del Violino Gianluca Galimberti. “Non solo, il legno a Cremona è oggetto di ricerche e di studi che sono parte di un sistema, il Distretto culturale della liuteria, unico al mondo. Non è un caso, dunque, che la nostra città con la punta di diamante che è il Museo del Violino sia protagonista al Salone del Mobile di Milano. E’ testimonianza del serio lavoro in atto, è occasione di promozione del sistema Cremona, è – e ci stiamo lavorando intensamente – un punto di partenza per ulteriori sinergie con Federlegno nell’ambito del lavoro in atto sulla liuteria, sul restauro e sulla ricerca”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sorcio Verde

    Mah…la falegnameria con i truciolati e i violini…che c’azzecca?

    • Blizzard

      Il salone del mobile di Milano, ormai da anni è diventato un appuntamento a livello mondiale del design e della cultura, non vedo cosa c’entrano i mobili in pannelli truciolari. Comunque l’occasione per fare battute banali era troppo ghiotta e non andava persa. Complimenti per la battutona!!!!!!!!

      • Sorcio Verde

        Sig.professorone, non mi ha spiegato quale sarebbe la sinergia tra mobili e violini, mi illumi, pendo dalle sue labbra di esimio ricercatore!

        • Blizzard

          Se è alla Sua portata, provi a vedere il programma del salone e del fuori salone vedrà che ci può stare la sinergia con il MDV. Se poi Lei pensa che i mobili del salone siano quelli di Ikea o peggio ancora Mondoconvenienza od Aiazzane, beh allora è solo un problema Suo. Buona serata!!!!

          • Sorcio Verde

            Ma fammi il piacere, massí dai facciamo la sinergia con il Vinitaly, o con il Marmoc, tutte fiere altrettanto famose ma che come il salone del mobile non c’entrano una mazza con i violini , con questo andazzo faremo la sinergia con l’aglio di Monticelli o l’ of cöt…Professorone, studia che ti fa bene!

          • Blizzard

            Va beh dai ha ragione al salone del mobile mandiamo solo i Marengon. Resti con le Sue certezze complimenti per la Sua elasticità mentale. In quanto allo studio ascolterò il suo Suo consiglio.

          • Sorcio Verde

            Bene, cosí eviti di nominare persone morte piú di 30 anni fa, figli di marengon.

          • Andrea

            Non ha senso provarci, Blizzard. Sono anni che il sorcio dice cose inutili e lamentose, sei davanti al tipico cremonese che si lamenta tanto ma fa molto poco. Prima pensavo anche io che ci fosse possibilità di discussione, ma lui è qua solo per lamentarsi, non per ragionare. Se provi a farlo ragionare lo disturbi ed entra in modalità difensiva, inizia a sputare banalità con fare da semi dio.

  • pisto

    Iniziativa incomprensibile…a meno che non si voglia fare diventare la liuteria cremonese un mobilificio…cosi’ saranno tutti contenti, quelli che fanno i conti in tasca all’artigianato, alle quote di mercato…ai numeri…alle elaborazioni dei dati, alla “competitivita’ ” …e bla, bla, bla….