9 Commenti

S.Felice tutta a nuovo: piazza,
scuola, palestra, centro civico,
fogne. Interventi per 7 milioni

Come diventerà la nuova scuola materna. Quella attuale sarà completamente demolita. Dietro, la palestra

Presentato a SpazioComune il progetto di rigenerazione urbana per il quartiere San Felice, classificatosi 48esimo su oltre 800 nell’ambito del “Bando periferie” realizzato dal Governo e la cui convenzione è stata approvata dalla Corte dei Conti il 26 marzo scorso. L’intervento, del valore di 7 milioni di euro, è stato presentato da sindaco Gianluca Galimberti, sottosegretario di Stato Luciano Pizzetti, assessore al Territorio Andrea Virgilio, assessore con delega ai quartieri Rosita Viola e dal dirigente Marco Pagliarini, coordinatore dell’Area Gestione Territorio e Comunità del Comune di Cremona. Sono inoltre intervenuti Nicola Pini e Gianluca Pegori, rispettivamente presidente e vice presidente del Comitato di Quartiere 14 (S. Felice – S. Savino): il progetto infatti è stato pensato e costruito insieme ai residenti con i quali inizierà un lavoro di ulteriore condivisione per le fasi esecutive, che inevitabilmente influenzeranno la vita del quartiere. Miglioramento del decoro urbano, manutenzione di aree pubbliche e strutture, accrescimento della sicurezza territoriale, potenziamento dei servizi, inclusione sociale, questi gli obiettivi del progetto che, come ha detto Pizzetti, “era perfettamente in linea con le clausole del bando, che complessivamente ha messo a disposizione 700 milioni di euro, per far fronte ad una necessità nazionale in tema di ristrutturazione del patrimonio e coesione sociale”. Nel progetto non è potuta rientrare una richiesta di vecchia data del quartiere, l’ampliamento della strada San Felice – san Savino, che non corrispondeva alle linee guida del bando e che da sola costa 2 milioni. Questa la tipologia degli interventi.

1) Azioni infrastrutturali per 2 milioni e 534 mila euro

– riqualificazione delle sedi stradali e relativi sottoservizi attraverso il rifacimento del manto stradale e marciapiedi delle vie San Felice, Asilo, Torchio, Caudana, Allende. In particolare le fognature verranno predisposte per poter tenere separate acque bianche da acque nere: dal sistema ‘misto’ attuale, infatti dipendono i frequenti allagamenti di alcune strade del quartiere in caso di abbondanti piogge.
– riqualificazione delle aree di sosta di Via Caudana e Allende;
– realizzazione di nuovi collegamenti ciclo-pedonali tra le vie San Felice e Asilo e Asilo via Bissolina;
– realizzazione di una “nuova piazza pubblica” con un soluzione che compenetra via San Felice e l’antistante sagrato parrocchiale. Come ha spiegato l’ingegner Pagliarini, si è pensato di diminuire il dislivello esistente tra chiesa e piano stradale, sopraelevando il livello della strada (che sarà lo stesso della piazza), in modo da ottenere un rallentamento delle auto, dando l’impressione di una complessiva area pedonale.
– realizzazione di un sistema di illuminazione di ultima generazione con impianto di videosorveglianza e wi-fi;
– posa presso il centro civico di una stazione di ricarica per auto, biciclette elettriche e di dispositivi portatili.
– implementazione delle attuali aree verdi con la creazione di un bosco filtro a ridosso dell’autostrada, di percorsi pedonali attrezzati e di ulteriori orti sociali.

2) Azioni architettoniche per 3 milioni e 955 mila euro

– riqualificazione del comparto che ospita palestra, campo da calcio, spazi di servizio, centro anziani, sede comitato di quartiere e ambulatorio medico. Verrà realizzato un intervento di adeguamento sismico, saranno istallati pannelli fotovoltaici sulla copertura nell’ottica di autosufficienza energetica e sostenibilità ambientale, saranno riqualificati tutti gli spazi interni ed esterni con la posa di attrezzature sportive open air;
– demolizione dell’attuale scuola infanzia e realizzazione di una nuova scuola e spazio polifunzionale con requisiti di sostenibilità ambientale, energetica ed economica, rapidità di costruzione, riciclabilità dei componenti e dei materiali e permeabilità visiva tra interno e esterno attraverso ampie vetrate verso i giardini interni e la strada;

3) Azioni sociali e di accompagnamento per 530mila euro

– costituzione di una equipe territoriale che agirà sul quartiere con funzioni sociali, educative e preventive con l’obiettivo di promuovere l’attivazione sociale, la cura dello sviluppo relazionale di quartiere e il monitoraggio del disagio sociale;
– costituzione di un tavolo/laboratorio che coinvolgerà le rappresentanze del territorio;
– realizzazione di patti di collaborazione tra Comune e cittadini per accompagnare la creazione di competenze su temi di amministrazione condivisa e beni comuni;
– interventi e servizi per accompagnare il quartiere nel periodo di realizzazione delle opere.

Completa il progetto la riqualificazione di 15 alloggi di edilizia residenziale pubblica in via Allende e via Caudana che comprende anche la rigenerazione delle parti comuni esterne per 2 milioni e 600mila euro.

Per quanto riguarda le tempistiche, i lavori di riqualificazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, cofinanziati da Comune di Cremona e Regione Lombardia, sono già iniziati. I tecnici comunali sono al momento impegnati nella redazione dei progetti definitivi ed esecutivi di tutte le altre opere (entro agosto), successivamente si aprirà il periodo riservato alle procedure per l’appalto dei lavori e a dicembre inizieranno i cantieri per palestra, strade e verde pubblico. Nel frattempo sono in fase di attivazione tavoli tecnici specifici, anche con gli stakeholder, su scuola, sociale, sport, verde, urbanistica e viabilità.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sorcio Verde

    Peccato, con quei soldi ci poteva quasi fare la strada sud.

    • Sorcio Rosso

      Con i soldi di un bando per le periferie? Ma gli articoli si leggono oppure semplicemente fai un commento a caso?

      • La trappola

        Basterebbe leggere meglio i commenti…

        • Sorcio Rosso

          Certo e quando poi si modificano è ancora più divertente! Leggete il testo del bando… che altrimenti ci si intrappola da soli

          • La trappola

            Vieni che ti aspetta un bel pezzo di formaggio…

  • devotooli

    Tutti i Cremonesi dovrebbero essere contenti di questo intervento che renderà più vivibile la frazione di San Felice, molto spesso dimenticata.
    Lo dovrebbero essere ancor di più tutti i residenti della periferia interessata a lavori di riqualificazione!!!!
    Ringraziamento al Presidente del Comitato Dott.Pini Nicola sempre in prima linea.
    Grazie.

  • Andrea Torna ✰ ✰ ★ ✰ ✰

    Più piccole le foto non si potevano mettere?

    • Sorcio Verde

      Così nessuno può capire…

  • Mirko

    Ora San felice….ma il resto quando???????????????