Un commento

Bagno di folla per l'ultima
giornata della Tre Giorni
in Piazza di Pizzighettone

Bagno di folla domenica alla Tre Giorni in Piazza di Pizzighettone Fiere dell’Adda: la giornata conclusiva della 30esima edizione ha visto un pubblico numeroso affollarsi nel centro storico e nelle 34 casematte delle mura, tra gli oltre 100 stand della rassegna merceologica.

Molto partecipate anche le numerose iniziative collaterali: dimostrazioni e prove gratuite di tiro con l’arco proposte nel prato di Porta Cremona da Gruppo Arcieri del Rivellino di Pizzighettone; gli allestimenti con i Giochi Sonori interattivi realizzati come una volta e in certi casi anche con materiali di riciclo, che sono piaciuti moltissimo ai bambini e non solo; le mostre d’arte e di fotografia. Molto gettonate e partecipate anche le proposte turistiche con le visite guidate alla scoperta della Città Murata e dei musei nelle mura, al museo civico aperti ai visitatori, e alla chiesa parrocchiale di San Bassiano; buon successo anche per le crociere sull’Adda a bordo della motonave Capinera organizzate dal consorzio Navigare l’Adda. 

La serata di sabato poi è stata un successo al di là delle più rosee aspettative, con Maurizio Schweizer che ha portato a Pizzighettone il ‘Il Re degli Ignoranti- Celentano Tribute Show’. Una serata con migliaia di persone in piazza d’Armi – area spettacoli della Tre giorni in piazza – che hanno cantato ed applaudito l’intera band, che ha portato in palcoscenico dodici elementi, tra musicisti e coriste, tutti di grande professionalità.

Ma il vero mattatore della serata è stato Schweizer con la sua grande somiglianza a Celentano. Fisica e vocale. E i cambi d’abito identici a quelli indossati dal ‘molleggiato’ in occasione di varie performance. In palcoscenico – con oltre due ore filate di concerto – sono sfilati tutti i grandi successi di Celentano, dagli esordi ai pezzi recenti tra cui quelli condivisi a due voci con Mina, la tigre di Cremona.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • MENCIA

    con il bel tempo la gente va