2 Commenti

Viabilità: tangenziale da 45mila
veicoli al giorno. Il 18 giugno
inaugura ciclabile via del Sale

Il cantiere di via del Sale ha prodotto un aumento di traffico in viale Po e in tangenziale, da largo Moreni verso via Seminario, ma non ha portato un aggravio considerevole sulla viabilità in via Massarotti / Trebbia e neppure in via Giordano. I tre mesi di lavori per la pista ciclabile (lunedì 18 giugno l’inaugurazione e riapertura a doppio senso di via del Sale)  sono serviti anche ai tecnici della Redas incaricati dal comune di redigere il Piano urbano della mobilità sostenibile, per capire le ripercussioni su tutta la viabilità della chiusura di una strada.

Dalle rilevazioni del traffico effettuate finora (ma continueranno anche nelle prossime settimane per valutare l’incidenza del traffico scolastico) in 78 sezioni cittadine, emerge che il maggior numero di veicoli in un giorno feriale transita in tangenziale, tra via Castelleone e la fiera grosso modo, con 42mila – 44mila veicoli al giorno. Il tratto più orientale, verso il Maristella, ha un carico inferiore, tra i 37mila e 38mila veicoli. Seguono il tratto di via Eridano, con 28mila veicoli /giorno, e a distanza via Massarotti con 16mila e via Giordano, 20mila circa, cifra già emersa nelle rilevazioni passate. 16mila gli automezzi che transitano in via Mantova, su per giù la stessa quantità che prosegue su viale Trento e Trieste.

“L’ora di punta massima del giorno feriale – emerge dal capitolo relativo alla fase conoscitiva del Pums – coincide con l’intervallo orario 17:00-18:00 e durante la quale transitano dalle sezioni di indagine circa 71.000 veicoli, pari all’8% del totale giornaliero. Nell’ora di punta lungo il sistema tangenziale si registrano i carichi veicolari maggiori (anche > 2.000 veic/h) mentre, in generale, sulle altre sezioni non si riscontrano mai flussi di traffico superiori a 1.000 veicoli/ora (ad eccezione delle strade di penetrazione SP 415 e SP 10 lato est e di via Dante e viale Trento e Trieste”. Dopo via Mantova, che detiene il record di incidentalità nei dati esaminati dai tecnici, questa è anche la zona cittadina dove si registra la più alta incidentalità, seguita da via Seminario – Nazario Sauro, Eridano, tratto urbano di via Bergamo, via Massarotti, via Giordano, via Giuseppina.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mario Rossi ₷ᶌ

    Quanti soldi buttati per indagini inutili e costose. E poi le solite parole di questi politicanti ormai alla frutta.
    Con 20 mila veicoli al giorno(cosa risaputa da anni) mi stupisco ancora di più della pazienza degli abitanti di via Giordano.
    E’ a tutti gli effetti una tangenziale che passa a pochi metri dal centro storico, è così difficile da capire che occorre una strada alternativa? Invece di buttare soldi in piste ciclabili inutili, studi inutili, parcheggi che non userà nessuno, fate questa benedetta strada sud !

    • Illuminatus

      Ma davvero, i nostri illustri amministratori hanno buttato soldi nostri per scoprire che se chiudi una strada intasi le altre. Complimenti davvero.