Commenta

Smart City, Cremona
sempre più intelligente:
16esima a livello nazionale

Cremona è 16esima in Italia nella classifica redatta da FPA sulle città più smart. ICity Rate è il Rapporto annuale realizzato dal 2012 da FPA per aggiornare costantemente l’evoluzione delle città italiane capoluogo di provincia nel percorso verso città più intelligenti, ovvero più vicine ai bisogni dei cittadini, più inclusive, più vivibili, più capaci di promuovere sviluppo adattandosi ai cambiamenti. Per realizzare il Rapporto, FPA individua e analizza 15 diversi ambiti della vita urbana. Per ognuno sono presi in considerazione un certo numero di indicatori che ne descrivono, e misurano, i diversi aspetti che vengono sintetizzati in indici dimensionali o di ambito. I quindici indici “settoriali” vengono poi trasformati e aggregati in un unico valore di sintesi che consente di calcolare un indice finale (ICity Index – ICR2018).

Cremona ha avuto un balzo in avanti di ben sette posizioni, passando dalla 23esima piazza del 2017 alla 16esima, appunto. Tra i fattori determinanti anche il fatto che sia partito il raddoppio della sede del Polo per l’Innovazione Digitale/CRIT. Presente al meeting di Firenze, dove è stato presentato il rapporto, per il Comune di Cremona era presente l’Assessore alla Innovazione e alla Digitalizzazione Maurizio Manzi, relatore alla tavola rotonda Infrastrutture di rete e cloud come architrave dell’ecosistema digitale urbano.

Pur con le cautele del caso, si legge nel rapporto,  è comunque interessante osservare come, nell’ambito della fascia alta della classifica, i progressi più significativi
siano fatti registrare da alcune città di dimensione medio o medio piccola (tutte sotto i 100mila abitanti): oltre a Cremona, infatti, troviamo anche Pordenone, Udine, Treviso, Biella, Lodi e Belluno. Proprio Manzi, in ogni casi, ha dichiarato: “Innovazione e digitalizzazione sono gli elementi che come Comune di Cremona abbiamo adottato per attuare la transizione digitale, cioè per rendere disponibili servizi a cittadini e imprese e per agevolare gli adempimenti e la relazione con l’Ente, secondo i più attuali paradigmi di smart city”. “Il risultato – conclude l’assessore – fotografato dalla classifica di Forum PA premia questo sforzo, iniziato quattro anni fa, con un grande lavoro sviluppato da ogni singolo settore dell’Ente. Un risultato di assoluto valore che riconosce a tutto il personale del Comune l’impegno e la competenza nella realizzazione di importanti servizi che la digitalizzazione ha consentito di rendere ancor meglio visibili e fruibili. Un incentivo a proseguire in questa direzione”.

Il sindaco Gianluca Galimberti ha invece commentato: “Un bellissimo risultato per Cremona che riconosce i progressi notevoli che la città sta facendo, grazie al lavoro di molti, e che ci indica gli ambiti in cui possiamo e vogliamo migliorare ulteriormente. Insieme come sistema”. Analizzando infine più nel dettaglio dei vari ambiti presi in considerazione dallo studio, Cremona rimane nella top 20 nazionale per energia, inclusione sociale, mobilità sostenibile, gestione dei rifiuti urbani, trasformazione digitale (14esima: miglior dato della città, ndr) e verde urbano. Le note meno positive arrivano invece da suolo e territorio e soprattutto dalla qualità dell’aria e dell’acqua che vedono Cremona all’84esimo posto nazionale.

Attrattività turistica e culturale

Energia

Gestione rifiuti urbani

Inclusione sociale

Innovazione e ricerca

Istruzione

Lavoro

Mobilità sostenibile

Partecipazione civica

Qualità aria e acqua

Sicurezza e legalità

Solidità economica

Suolo e territorio

Trasformazione digitale

Verde urbano

 

© Riproduzione riservata
Commenti