Commenta

Cremona Futsal, la Noalese
non perdona. Doppio
infortunio per le grigiorosse

Walcor Cremona Futsal SP – Noalese 1-3
Walcor Cremona: 12 Pini, 2 Cottini, 4 Valente, 7 Garzon, 8 Frigerio, 10 S. Savazzi, 11 Piccoli, 19 Scandola, 21 C. Savazzi, 27 Dedè, 33 Serrao. All. Stefania Caimmi.
Noalese: 1 Guicciardi, 2 Pivato, 4 Lippolis, 6 Pinton, 7 Marton, 9 Cimmino, 10 Ranzolin, 11 Toffolo, 12 Cazzaro, 13 Ganga, 14 Bertozzi, 16 Cerato. All. Arianna Barcaro.
Arbitri: Daniele Biondo di Varese e Davide De Ninno di Varese. Cronometrista: Marcello Galizia di Mantova.
Reti: 17’03” pt e Ganga (N), 3’39” st Cerato (N),  6’44” st S. Savazzi (C), 17’18” st Ganga (N).

Punti persi e persi anche due elementi fondamentali nello scacchiere grigiorosso, costrette a qualche settimana di forzato riposo: questa la sintesi del match di sabato al PalaBosco, che ha visto le ragazze di Stefania Caimmi cedere la posta in palio ad una buona Noalese, con l’aggravante del doppio infortunio di Carol Savazzi e capitan Elena Scandola. Quanto alla cronaca, primo quarto d’ora di sostanziale equilibrio, nel quale ci prova due volte C. Savazzi, servita prima da Dedè e poi da Scandola, ma Guicciardi fa buona guardia. Il primo vero pericolo per la porta di Pini lo porta capitan Ganga, che costringe Scandola al fallo e guadagna una punizione da buona posizione respinta dalla barriera. Al 12’ inizia lo show di Ganga, che da fuori area centra la traversa e poco dopo impegna Pini che si difende con i piedi. Walcor avanti con S. Savazzi servita da Piccoli, che esalta Guicciardi e ferma anche C. Savazzi, giunta in aera dopo uno scambio Frigerio-Cottini. L’equilibrio si spezza al 17’, con il sinistro di Ganga che trasforma in gol una punizione fotocopia di quella vista poco prima. Reazione grigiorossa con C. Savazzi che serve Valente, ma Guicciardi devia in corner, poi C. Savazzi è costretta ad affidarsi alle cure della dottoressa Genny Balestreri, dopo uno scontro di gioco.

Ripresa che si apre con C. Savazzi sofferente in panca e Noalese pericolosa con Ranzolin e Ganga, ma Pini è attenta. La sostituta di Alessandra Contesini, assente per un grave lutto famigliare, non può nulla però davanti al forte sinistro di Cerato, che vale il raddoppio ospite. Le ragazze di Stefania Caimmi, provano a reagire e riescono a riaprire la gara con Sara Savazzi, il cui tocco da posizione ravvicinata termina dietro le spalle di Guicciardi, al termine di uno scambio veloce tra Scandola e Piccoli. Il time out serve alle veneziane per riordinare le idee, e al 9’ sempre capitan Ganga scheggia il palo alla sinistra di Pini. Cremona si ripresenta davanti a Guiccardi nell’azione successiva, ma Piccoli, dopo aver superato Ganga trova l’opposizione della numero 1 in corner. Grigiorosse in pressing con Valente, che serve un buon pallone a Piccoli che manda di poco a lato e Dedè poco dopo non riesce a superare Guicciardi. Al 14’ il palo di Cerato e un minuto dopo, capitan Ganga dal limite non perdona e con una conclusione precisa spiazza Pini, di fatto chiudendo il match, con Cremona che poco prima era stata costretta a rinunciare anche al suo capitano, causa infortunio.

Per quanto riguarda il bollettino medico Carol Savazzi ha rimediato la frattura di due falangi prossimali del piede destro: per lei circa 4 settimane di stop. Per capitan Scandola, invece, infortunio alla mano sinistra, con frattura di un dito e interessamento del tendine. A fine gara il tecnico Stefania Caimmi ha analizzato il secondo ko consecutivo: “Arriviamo in porta, ma non riusciamo a concludere, serve più convinzione e fiducia. Le ragazze devono avere più convinzione nei loro mezzi e giocare più serenamente. Gli infortuni ci hanno ovviamente penalizzato e abbiamo preso il terzo gol perché alla fine ci siamo sbilanciate alla vana ricerca del pari”.

© Riproduzione riservata
Commenti