Commenta

Libera al voto l’11 aprile
Gli agricoltori cercano
una soluzione unitaria

Dopo due rinvii per motivi tecnici, il prossimo 11 aprile la Libera Associazione degli Agricoltori Cremonesi andrà al voto per il rinnovo delle cariche sociali in scadenza nel 2019. E’ stato il Consiglio a fissare la data, anche se sarà necessario un ulteriore consiglio il prossimo 22 marzo per una verifica del regolamento elettorale e la revisione della composizione del Consiglio con la ripartizione del numero dei consiglieri per ciascuna zona territoriale sulla base degli ettari posseduti. Dopo il Consiglio, i soci della Libera riceveranno la comunicazione ufficiale in cui saranno indicate le modalità di voto e di presentazione della candidature. Esiste ancora qualche dubbio sulla data (già cambiata due volte) in quanto vanno sciolte alcune questioni procedurali che diversamente potrebbero inficiare la consultazione.

Intanto proseguono le trattative per arrivare alla definizione di una lista unitaria nella quale potrebbe avere un ruolo importante Cesare Baldrighi, attuale presidente del Consorzio Grana Padano, come presidente di garanzia. Se non si arrivasse alla lista unitaria, ma si contassero, come avvenuto in passato, le singole componenti potrebbe spuntarla Riccardo Crotti (già presidente dell’Apa) forte dell’appoggio degli agricoltori cremaschi, casalaschi, del soresinese, della lista Reverberi e di una parte dei componenti della lista degli ex giovani di LiberAzione. Nelle ultime elezioni i più votati furono i Rinnovatori (16 eletti), seguiti da LiberAzione (15 eletti) e della Lista Reverberi (5, ex seguaci di Antonio Piva). Non essendo uscita dalle urne una maggioranza chiara, poi l’accordo arrivò sul nome di Renzo Nolli eletto in entrambe le liste vincitrici.

© Riproduzione riservata
Commenti