Ultim'ora
22 Commenti

Toninelli, visita in
sordina per sostenere
il candidato M5S Nolli

(foto Sessa)

Visita a sorpresa del ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli oggi a palazzo Cattaneo per la presentazione dei candidati del M5s alle Comunali (candidato sindaco Luca Nolli) e alle Europee (Christian di Feo). Davanti a un gruppo di simpatizzanti, la consigliera comunale uscente Lucia Lanfredi ha ricordato alcune battaglie assunte durante il suo mandato come minoranza, tra cui la quella per i diritti civili (regolamento trattamento fine vita, matrimoni contratti all’estero) e soprattutto “siamo stati noi i primi a proporre la medaglia d’oro per Gino Ruggeri un anno fa, che poi gli è stata data solo ora in campagna elettorale”.

“I 5 stelle non hanno mai avuto vita semplice a Cremona, la stampa ha enfatizzato questioni che mettevano in ombra la versione ufficiale della portavoce, a favore di persone iscritte ai meet up o alla piattaforma Rousseau che non avevano neppure l’appoggio dei vertici nazionali”, ha aggiunto Lanfredi a proposito della lite con gli ex Elia Sciacca e Gabriele Beccari (entrambi candidati in una delle liste a supporto di Galimberti). “Ne sono felice – dichiara a proposito Nolli -, così non li abbiamo noi. Dimostrano in questo modo che persone sono”.

Il candidato pentastellato ha poi aggiunto a proposito della sua candidatura: “Lucia ha fatto un grande lavoro con tanti che remavano contro; continueremo quanto iniziato per i prossimi 5 anni. Sullo studio epidemiologico bisogna andare avanti, l’Ats sta ancora aspettando i dati cremonesi. Cremona ha visto uccidere il centro storico a causa della morsa dei centri commerciali. Per quanto riguarda la trasparenza, le riunioni del consiglio comunale saranno in streaming, mentre le unioni civili e di fatto devono avere gli stessi diritti delle famiglie tradizionali”. “I programmi – chiosa Nolli – sono spesso uguali, la cosa che ci differenzia é che noi le metteremo in pratica”.

Toninelli ha ricordato la risoluzione della controversia burocratica che aveva paralizzato i lavori sulla Paullese: “Tutto è a posto a livello di carte, la Provincia di Cremona può partire coi lavori”. Il Ministro ha quindi parlato dei benefici che porterá il decreto ‘sblocca cantieri’ e il finanziamento della ferrovia Cremona – Mantova – Codogno, ma anche il finanziamento del nuovo ponte di Casalmaggiore all’interno delle opere strategiche. E sul caso Siri: “Fosse stato un 5stelle sarebbe già fuori”.

gbiagi

Fotoservizio Francesco Sessa

 

© Riproduzione riservata
Commenti