Commenta

Soluzione interna per
l'Archivio di Stato: nuova
direttrice è Valeria Leoni

L’Archivio di Stato di Cremona ha una nuova direttrice. Valeria Leoni è infatti subentrata da poche settimane, esattamente dall’8 agosto, a Emanuela Zanesi, che dal primo agosto è andata in pensione. Il ministero per i beni e le attività culturali ha pubblicato l’interpello e ha dunque fatto una scelta interna, incaricando la Leoni come direttrice dell’archivio. Nata a Brescia, residente a Cremona dal 1997, una laurea in lettere, un dottorato di ricerca, ha partecipato a tutta una serie di seminari e convegni in tutta Italia oltre ad avere curato tutta una serie di pubblicazioni. Valeria Leoni ha sempre portato avanti attività di ricerca e ha svolto la libera professione come archivista con tutta una serie di enti tra cui il Comune di Cremona, la Provincia, l’Aler tanto per citarne alcuni e l’archivio di Stato. Dal 2006 è docente di archivistica presso il dipartimento di musicologia e beni culturali del distaccamento cremonese della facoltà di musicologia e beni culturali di Pavia. È in servizio come funzionaria archivista nell’archivio cremonese dal 26 febbraio 2018, dopo avere partecipato a un concorso ministeriale che ha portato a Cremona da Verona sempre come funzionaria archivista anche Silvia Rigato. In tutto ad oggi in servizio in via Antica Porta Tintoria sono 6 persone; il 31 agosto andrà in pensione uno dei due custodi, ma è già stato indetto un nuovo concorso per la custodia e la vigilanza negli archivi di tutta Italia. La studiosa ha intenzione di consolidare e portare avanti tutta l’attività di assistenza agli studiosi riguardanti al ricerca e la consultazione, il riordino dell’inventariazione e continuare con il rapporto con l’università. s.galli

© Riproduzione riservata
Commenti