Ultim'ora
Un commento

Terrorismo: Kosovo, tribunale
condanna a 4 anni l'estremista
di Pozzaglio Resim Kastrati

Resim Kastrati, il kosovaro di Pozzaglio espulso per terrorismo è stato giudicato dal tribunale di Pristina e condannato insieme ad altre persone accusate di aver pianificato attacchi terroristici contro le missioni di pace internazionali presenti in Kosovo, contro le chiese ortodosse e contro alcune discoteche nelle aree a maggioranza serba del paese balcanico. Kastrati è stato condannato a quattro anni, mentre altri  imputati sono stati condannati a pene detentive tra uno e dieci anni. Lo riferisce l’emittente “Radio Free Europe”. Per altre due persone è stato invece disposto il fermo per periodi minori in ragione del fatto che non avrebbero informato le autorità di questi piani terroristici. Kastrati e un altro connazionale, Edona Haliti, erano tornati in patria dopo aver combattuto nelle fila dello Stato islamico in Siria ed Iraq. “I sei imputati”, si legge in una nota del Tribunale di Pristina, “stavano preparando attacchi terroristici dentro e fuori dal Kosovo, attacchi terroristici contro discoteche a Gracanica (enclave serba in Kosovo), attacchi terroristici contro chiese ortodosse a Mitrovica Nord, attacchi alle truppe Nato in Kosovo e altri attacchi in Francia e Belgio”. Per anni Kastrati ha abitato a Pozzaglio e frequentato la moschea di Motta Baluffi (osservata speciale dagli 007 italiani in quanto sospettata di avere idee estremiste). Era stato espulso dal nostro Paese nel gennaio 2015 in quanto ritenuto pericoloso. Come aveva stabilito il Viminale, aveva esultato su Facebook dopo la strage a Charlie Hebdo e non aveva nascosto la propria volontà di diventare kamikaze. Ma secondo gli investigatori era anche in grado di procurarsi illegalmente armi. Dopo la sua espulsione dall’Italia aveva trovato asilo in Germania, da cui però era stato successivamente espulso ed era quindi ritornato in Kosovo, a Pristina, dove aveva continuato a gestire la pagina Fb dei mussulmani italiani.

 

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti