Commenta

Tragedia di Pioltello,
i vertici di TreNord non
verranno imputati

Nessuna imputazione per i vertici Trenord nell’ambito dell’inchiesta sulla tragedia di Pioltello, verificatasi il 25 gennaio del 2018, quando il treno regionale Cremona-Milano era deragliato, provocando tre morti, tra cui la cremasca Giuseppina Pirri, e 46 feriti. Il distacco di un pezzo di rotaia, della lunghezza di 23 centimetri, non sarebbe quindi imputabile ai vertici dell’azienda lombarda.

La Procura sta ora per chiudere l’inchiesta: le indagini effettuate hanno chiarito che le responsabilità sono da individuare tra coloro che avevano il compito di effettuare la manutenzione della rete ferroviaria, mentre il convoglio non avrebbe responsabilità di sorta nell’incidente. Per questi motivi i magistrati chiederanno l’archiviazione per l’ex amministratore delegato Cinzia Farisè e l’ex direttore operativo Alberto Minoia di Trenord. Per gli altri nove soggetti sotto inchiesta, tutti di Rfi, sono invece state ormai definite le rispettive imputazioni. Sono invece state definite le rispettive imputazioni per gli altri indagati, che riguardano la mancara manutenzione della linea.

Entro fine mese è prevista la chiusura formale dell’indagine, dopodiché i nove indagati avranno 20 giorni di tempo per presentarie le loro memorie e chiedere di essere sentiti.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti