Commenta

Scuolabus a Casanova, la
replica del Comune: 'Dal 30
settembre un autobus in più'

Dopo le proteste da parte dei genitori dei bambini di Casanova del Morbasco in merito allo spostamento della fermata dello scuolabus, non si fa attendere la replica dell’amministrazione comunale di Sesto ed Uniti, di cui Casanova è frazione. “Il Comune di Sesto ed Uniti, per l’anno scolastico 2019/2020, fornisce gratuitamente il servizio di trasporto per circa 180 alunni tra studenti della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado” evidenzia il sindaco Francesca Maria Viccardi in una nota. “L’organizzazione di tale servizio comporta diverse difficoltà dovendo conciliare i tempi del trasporto con quelli di inizio delle attività scolastiche, servendo un bacino di utenza sparso sull’intero territorio comunale, nel Comune di Spinadesco e per alcuni alunni residenti a Cavatigozzi, e con l’impiego di uno scuolabus comunale (con triplo giro) e di due autobus appaltati all’esterno con costi consistenti”.

Da questo anno scolastico, visto l’aumento del numero di alunni che si servivano della fermata di Via Cremona, l’Amministrazione comunale ha quindi deciso “di introdurre una nuova fermata nel complesso residenziale di Via Leonardo da Vinci, da assegnare agli alunni residenti nelle vie Leonardo da Vinci, Via Enrico Fermi, Via Antonio Campi oltre a quelli di Via Guido Miglioli e Via don Lorenzo Milani. Tale nuova fermata è inserita nel percorso effettuato dallo scuolabus comunale. La fermata di Via Cremona non è stata cancellata, ma mantenuta nel percorso del giro effettuato dalla ditta appaltatrice ed è utilizzata dai residenti di Via Anguissola e Via Cremona”.

Entrando nel merito della vicenda, il Comune fa sapere che “In data 12 settembre è giunta al protocollo una lettera, sottoscritta da otto famiglie, tesa ad ottenere la possibilità di utilizzare la fermata di Via Cremona anche per gli alunni residenti nelle vie Miglioli e Don Lorenzo Milani. La situazione era, comunque, già stata segnalata dalle famiglie telefonicamente ed era già in programma un incontro tra i genitori e l’Amministrazione comunale, incontro che si è tenuto in data 19 settembre 2019” continua. “Durante l’incontro l’Amministrazione ha reso nota la difficoltà organizzativa, spiegando che la fermata di Via Cremona non poteva essere mantenuta per tutti, in quanto il numero di bambini a quella fermata è pari a 22 (oltre ai genitori accompagnatori), un numero consistente di persone che avrebbe sostato sul marciapiede creando situazioni di pericolo”.

“In tale sede, ai genitori presenti, è stato garantito che il servizio reso era ancora oggetto di monitoraggio volto ad individuare le criticità e, nel limite del possibile, porvi rimedio, ma soltanto dopo aver valutato il servizio stesso nel corso della settimana dal 23 al 27 settembre, prima settimana in cui tutte le classi di tutte le scuole sarebbero funzionate con orario completo”continua il sindaco.

“Inoltre, è stata offerta la possibilità agli utenti residenti in Via Miglioli ed in Via Don Milani di “scendere” in Via Cremona, fermata oggi riservata solo agli alunni con fratelli iscritti alla Scuola dell’Infanzia Comunale di Casanova del Morbasco. Nessun riscontro da parte dei genitori. Nella nota inviata e nel corso dell’incontro i genitori hanno chiesto di aggiungere la fermata di Via Cremona, anche nel viaggio di andata, nel percorso dello scuolabus guidato dall’autista dipendente del Comune, proposta non accoglibile, in quanto gli alunni sarebbero arrivati in ritardo per l’inizio delle lezioni”.

Per quanto attiene alla pericolosità del percorso, il Comune smentisce ogni allarmismo: “si segnala che la strada indicata come tale, un tratto di circa 150 m, è una strada interna ad un piano di lottizzazione con viabilità riservata ai residenti. L’altro tratto di strada citato, la “stradina che costeggia l’oratorio” è inibita al traffico veicolare, è un passaggio esclusivamente pedonale, asfaltato ed illuminato, per cui non si ravvedono pericoli ed il tratto non asfaltato che collega il camminamento pedonale a Via Leonardo da Vinci è lungo un paio di metri lineari. È stato, comunque calcolato che la fermata è raggiungibile da tutti gli alunni residenti in massimo 5 minuti di cammino.

Si sottolinea, inoltre, che nelle dichiarazioni rese in sede di iscrizione al servizio di trasporto scolastico le famiglie hanno dichiarato la loro intenzione di accompagnare nel tragitto da e per la fermata dello scuolabus gli alunni, che pertanto ai sensi della normativa vigente non possono raggiungere e sostare alla fermata da soli, ma devono obbligatoriamente essere accompagnati”.

Il Comune non rimane tuttavia indifferente alle richieste: “Fin dalla scorsa settimana, sono state avviate azioni finalizzate a risolvere le criticità emerse nel corso delle prime settimane di lezione ed a valutare le esigenze rappresentate dalle famiglie utilizzatrici del servizio. Da lunedì 30 settembre 2019 l’intero servizio subirà una modifica sostanziale: è stato ampliato l’appalto in essere per il servizio di trasporto scolastico con l’introduzione di un ulteriore giro riservato agli alunni delle cascine e delle frazioni di Luignano e Cortetano, è stato modificato il percorso dello scuolabus comunale, che servirà solo gli utenti della frazione di Casanova del Morbasco, con l’aggiunta di una fermata in Via Guido Miglioli e gli utenti di Via Don Lorenzo Milani potranno utilizzare la fermata di Via Cremona, già attualmente presente del percorso effettuato dal mezzo della società appaltatrice.

L’impiego di un ulteriore autobus, che ha portato un aumento consistente della spesa a carico del Comune, ha consentito di riorganizzare le fermate presenti sugli altri mezzi e, con l’introduzione di nuove fermate e la suddivisione degli alunni (azioni necessarie per contenere il numero di alunni alle fermate), di garantire a tutti gli utenti di arrivare in orario per l’inizio delle lezioni”.

© Riproduzione riservata
Commenti