7 Commenti

Maristella, automobilisti
indisciplinati. Dal Comune:
'Risolveremo il problema'

Auto sopra i marciapiedi che spesso impediscono ai residenti di entrare o uscire con le macchine dai garage, insomma un disagio profondo e tanta esasperazione per i residenti che abitano al Maristella. Parcheggi anarchici in occasione di allenamenti e tornei. A volte la situazione degenera, visto che nel momento in cui arrivano i pullman ci sono grosse difficoltà di manovra in queste vie strettissime che portano al campo da calcio gestito dalla società sortiva Sported Maris. Una raccolta firme protocollata in Comune e l’assessore Rodolfo Bona che subito si è attivato su un problema che va avanti da anni. Lunedì sera c’è stato l’incontro con Pietro Ricci, presidente del comitato. Da subito saranno presi dei provvedimenti: saranno verificati i flussi del traffico, via Corsini sarà chiusa ai pullman e ci sarà una verifica sull’uscita che dà su via Persico. Inoltre il comitato, nella persona del presidente Ricci, ha proposto l’allargamento del parcheggio. Una proposta presa in considerazione dall’assessore Bona, ma lì ci dovrà essere un ulteriore passaggio con la società calcistica, visto che l’idea sarebbe quella di allargare il parcheggio nel campetto adiacente al campo da calcio che darebbe l’opportunità di far parcheggiare una settantina di auto. L’assessore Bona ha presentato la stipula di un patto rifacendosi a quel regolamento dei beni comuni il cui scopo è quello di attivare la collaborazione tra comune e cittadini, dando così la possibilità di realizzare delle convenzioni laddove i cittadini si fanno carico di alcuni interventi, il Comune darà un rimborso spese su quello che sarà realizzato.

Silvia Galli

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Bhe.. parcheggiare in via del Maris o vicino alla edicola e fare 5 minuti a piedi è troppo….. Probabilmente ci saranno residenti dello stesso quartiere che accompagnano i figli in auto.
    Bravo assessore che si è comunque immediatamente interessato…

  • Filippo Bonali

    Davvero pessima idea quella di trasformare una zona di gioco in un parcheggio, in una struttura che attira tantissimi sportivi e che ha bisogno di spazi per farli giocare. Tra l’altro quella zona proposta viene a volte già usata come parcheggio temporaneo in occasione di manifestazioni numerose, ma appena finiscono ritorna a disposizione dei piccoli calciatori. Ero lì per caso 2 sere fa e ho visto entrare Bona e Pagliarini, e gli ho fatto notare che fuori c’era una marea di auto e 3 bici in croce. Se non vi mettete in testa che bisogna invogliare a cambiare le abitudini giornaliere della gente non basteranno mai i parcheggi, e sarà sempre una rincorsa nella peggior direzione.

    • Esatto.
      Inoltre i parcheggi limitrofi a via persico sono liberi.
      Ma vuoi fare due passi a piedi con il piccolo campione???
      Noooo… Meglio parcheggiare in mezzo alle scatole….

  • bvzpao

    ma via Dante? al 104 ( italmark, farmacia, bar) sono anni che le auto vengono parcheggiate sulla corsia di svolta! per tacere di quelle sullo spazio disabili. OGNI GIORNO AD OGNI ORA. e sono un pericolo. Ieri, esasperato, ho provato a chiamare la polizia locale ma al sesto squillo ho abbandonato.. insieme ai recenti ciclisti che piuttosto di usare la ciclabile, si farebbero eunuchi.

  • Lucrezia Mangano

    Da residente mi sento di sottolineare che nessuno ha nulla contro il centro sportivo. Bisogna però ammettere che da qualche anno la situazione è degenerata: non solo parcheggi selvaggi da parte di chi accompagna i piccoli giocatori, a volte maleducazione e inciviltà gratuite ma soprattutto tanto inquinamento. Chi ha scelto di vivere in questo quartiere tanti anni fa lo aveva fatto per amore della pace e della natura. Ora è un inferno 7 giorni su 7. Un ampio parcheggio in più potrebbe alleggerire la situazione ma solo un accesso indipendente alla società sportiva potrebbe riportare il quartiere all’antica serenità.

  • Lucrezia Mangano

    Seconda parte dello sfogo: e se la scusa per non costruire una nuova strada di accesso verso la Sported che non passi per il nostro quartiere fosse il costo, ci sarebbe una soluzione, già da tempo proposta dal Comitato e finora ignorata: una bella telecamera che immortali le innumerevoli infrazioni quotidiane quali imbocchi delle vie contromano da parte di automobilisti che cercano disperatamente il centro sportivo, peraltro segnalato, ed il limite dei 30 km/h rispettato solo dai leprotti del quartiere. Con le multe salate che il Comune avrebbe potuto dare e che potrebbe dare in futuro, di sicuro ci sarebbe un bel gruzzoletto da investire per migliorie della qualità di vita. Sarebbe anche bello che il Comune installasse, oltre alle spire per la rilevazione del traffico, da poco richieste dai residenti, dei marchingegni per la rilevazione delle polveri sottili. I nostri polmoni sono saturi.

  • Sofia Panzeri

    Era ora che qualcuno si interessasse a questa situazione invivibile (dopo anni di richieste cadute nel vuoto).inizio dicendo che nn esistono in ttt la città, società sportive con un così alto numero di iscritti (più di 500)all interno e con passaggio in un centro abitato.
    Ma il numero di passaggi ,lievita ulteriormente ,se consideriamo che molti genitori fanno 4 passaggi: entrano nel quartiere ,escono ,rientrano e riescono .
    Se poi a ttt questo sommiamo chi viene a giocare a calcetto ,tt i giorni fino a tarda sera, i numeri sono davvero impressionanti.
    Macchine parcheggiate ovunque ,su linee continue,in curva ,in doppia fila ostruendo il passaggio ecc ecc…
    Entrano pullman , macchine contro mano (TTT dirette al campo sportivo
    I residenti ovviamente conoscono molto bene i divieti ).
    Per nn parlare poi della velocità elevata ,ben oltre i 30km orari segnalati e ben visibili all inizio del quartiere.
    Visto il numero altissimo di macchine ,che vanno e vengono dal campo sportivo 7giorni su 7,parliamo di inquinamento e PM10 – pm2.5 ??
    (Visto l’ allarme mal aria segnalato da mesi sul quotidiano “La provincia “).
    Notizia di questa mattina 19/10/2019 per la terza volta il tombino centrale ,all incrocio tra via del Maris e via volontari del sangue (direzione sported)viene rifatto ,perché sfondato e la situazione deglia altri tombini sulle due strade ,non e certo migliore:problema su problema .
    Ripeto situazione invivibile aria irrespirabile e……..residenti esasperati!!!!!!!!