Commenta

Visita degli avvocati di
Cremona in Lussemburgo
alla Corte di Giustizia

Viaggio in Lussemburgo del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cremona alla Corte di Giustizia Europea. Una visita formativa, tenuto conto dell’importanza dell’attività della Corte di Giustizia nell’interpretazione della corretta applicazione del diritto dell’Unione Europea da parte degli Stati Membri, tra cui l’Italia. I rappresentanti del foro cremonese, guidati dalla presidente Marzia Soldani, hanno assistito ad un’udienza pubblica riguardante l’interpretazione di una legge da applicarsi in uno stato membro (l’Ungheria) rispetto alla normativa dell’Unione Europea. Sono seguiti colloqui con i referendari, giuristi appartenenti all’Ufficio di Gabinetto del giudice Rossi per l’Italia e dell’avvocato Generale, e approfondimenti sulla competenza della Corte, sugli interventi della stessa, con attenzione agli ambiti in cui opera, anche con l’altro organo rappresentato dal tribunale, sia in tema di concorrenza, di contratti pubblici, aiuti di Stato, diritto delle persone e nei casi di remissione alla Corte di questioni pregiudiziali in processi pendenti davanti al giudice nazionale.
Il presidente dell’ Ordine, Marzia Soldani, ha ricordato l’importanza per gli avvocati di conoscere il diritto dell’Unione Europea, tenuto conto della rilevanza che lo stesso assume nei Paesi membri con particolare attenzione alla giurisprudenza della Corte di Giustizia. Il viaggio formativo del Foro cremonese si inserisce in un percorso già iniziato dall’Ordine che ha organizzato la visita al Parlamento Europeo, al Consiglio d’Europa e alla Corte Europea dei diritti dell’uomo a Strasburgo.
Oggigiorno agli avvocati sono richieste sempre maggiori competenze, e l’Ordine è attento a tutte le esigenze che nella difesa dei diritti devono essere considerate al fine di esprimere la migliore tutela per il proprio assistito. Tutto ciò può avvenire solo nella consapevolezza dei cambiamenti e dell’ampliarsi dei confini della professione dell’avvocato con uno sguardo volto all’Europa e alle decisioni che in quelle sedi vengono assunte con rilevanza sul territorio nazionale.

© Riproduzione riservata
Commenti