Commenta

Virgo Fidelis, San Luca
gremita per la patrona
dei Carabinieri

Si è svolta nella mattinata di giovedì, presso la Chiesa di S. Luca, la celebrazione della ricorrenza della Virgo Fidelis, patrona dell’Arma dei Carabinieri. Alla celebrazione erano presenti le maggiori autorità civili e militari della Provincia, oltre ai rappresentanti di tutte le Associazioni Combattentistiche e d’Arma.
Questo culto iniziò subito dopo l’ultimo conflitto mondiale, per volontà di Monsignor Carlo Alberto Ferrero di Cavallerleone, Ordinario Militare d’Italia, e di P. Apolloni S.J., Cappellano Militare Capo. L’istanza fu accolta da Papa Pio XII l’8 dicembre 1949, quando fu proclamata ufficialmente Maria “Virgo Fidelis Patrona dei Carabinieri”, fissando la celebrazione della festa appunto il 21 novembre, in concomitanza della presentazione di Maria Vergine al Tempio e commemorazione dell’anniversario della “Battaglia di Culqualber”.

Il 21 novembre 1941, dopo tre mesi di strenua resistenza, cade il caposaldo di Culqualber, ultima difesa di Gondar. Per l’epico eroismo del 10° Gruppo Carabinieri Mobilitato la Bandiera dell’Arma verrà insignita della sua seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare. La scelta della Madonna “Virgo Fidelis”, come Patrona dell’Arma, è ispirata alla fedeltà che, propria di ogni soldato che serve la Patria, è caratteristica dell’Arma dei carabinieri che ha per motto “Nei secoli fedele”. Dopo la cerimonia le autorità hanno fruito dell’ospitalità della Parrocchia di S. Luca nei cui locali, hanno potuto apprezzare una rassegna di prodotti dolciari confezionati dagli studenti dell’Istituto “Einaudi” di Cremona.

© Riproduzione riservata
Commenti