11 Commenti

Taglio dei parlamentari,
incontro pubblico sulla
proposta di referendum

No alla riduzione dei parlamentari. I Radicali di Sergio Ravelli e un gruppo di esponenti politici di varia provenienza, organizzano un  momento pubblico per approfondire il tema, a seguito della presentazione della richiesta di referendum depositata dai Radicali  in Corte di Cassazione lo scorso 17 ottobre. L’incontro si terrà il 30 novembre alle 17 presso il sala conferenze della Società Filodrammatica Cremonese.

Primi firmatari: Paolo Bodini, già senatore e sindaco di Cremona; Walter Montini, già senatore della Repubblica; Roberto Mariani, sindaco di Stagno Lombardo; Michel Marchi, sindaco di Gerre de’ Caprioli; Dennis Buttarelli, consigliere comunale di Rivarolo del Re; Giuseppe Azzoni, già vice sindaco di Cremona; Giorgio Mantovani, presidente della società Filodrammatica; Gerardo Paloschi, dirigente d’azienda, giornalista; Agostino Melega, studioso di storia, dialetti e tradizioni locali; Gino Ruggeri, cittadino emerito medaglia d’oro città di Cremona.

“Come si può definire se non “demagogica” la decisione – scrivono i promotori – di ridurre il Parlamento di 345 eletti, alterando gli equilibri tra organi costituzionali, senza inserire questa azione in un quadro complessivo ed organico di adattamenti costituzionali, legislativi e parlamentari? Come si è potuto compiere questa scelta di riduzione della democrazia rappresentativa senza un vero confronto in Parlamento e senza un serio dibattito nel Paese?
Con il grido giacobino di “tagliamo le poltrone” si è voluto gettare fumo negli occhi e nascondere le vere motivazioni che stanno alla base di questa operazione. Si è detto: “tagliamo i costi” ma è una scusa che non regge, se si pensa che la reale riduzione sarà di sette euro ogni centomila della spesa pubblica.
Le riforme si devono fare per migliorare la funzionalità delle Istituzioni ed il taglio lineare dei parlamentari non produrrà gli effetti sperati anzi genererà pericolose distorsioni democratiche.
Riducendo sotto la media europea il rapporto eletti/elettori si completerà, con l’ulteriore distacco dell’eletto dall’elettore, il processo di esclusione dell’elettore da ogni possibilità di scelta e di controllo del candidato quindi dell’eletto, si priveranno moltissime aree italiane di parlamentari territoriali, si renderà più difficile la candidabilità delle persone, ci sarà maggiore pressione delle lobby sul singolo parlamentare, si affiderà ancora di più nelle mani dei segretari di partito la nomina dei parlamentari, al Senato ci saranno commissioni deliberanti con presenti un numero esiguo di eletti e, come hanno evidenziato molti autorevoli costituzionalisti, possono palesarsi rischi per quanto riguarda l’elezione o la messa in stato d’accusa del Presidente della Repubblica.
Di tutto questo, e di molto altro, non si parla ed ecco allora la ragione per la quale chiediamo – attraverso la richiesta di referendum costituzionale confermativo depositata dal Partito Radicale in Corte di Cassazione in data 17 ottobre 2019 – che a Cremona, come nel Paese, si apra il dibattito che non è stato aperto nel Palazzo.
Vogliamo che gli italiani vengano informati non di un pezzo di pseudo verità ma della verità intera che porta con sé anche frutti avvelenati che il Popolo deve conoscere, prima che sia troppo tardi. E’ fondato il timore che dopo la riduzione della democrazia rappresentativa arriverà la modifica dell’art. 67 della Costituzione per imporre il vincolo di mandato con il quale i parlamentari non risponderanno più alla Nazione ma alle segreterie di partito e il passaggio dalla democrazia rappresentativa alla democrazia demagogicamente diretta (referendum propositivo).
Chiediamo che anche chi è favorevole al taglio dei parlamentari esca allo scoperto e affronti insieme a noi il dibattito pubblico, così come rivolgiamo un accorato appello agli operatori dell’informazione e, in particolare, al servizio pubblico affinché possa svilupparsi un vero e ampio confronto su temi cruciali per il futuro del nostro Paese”

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Camillo Frangipane

    Negli Stati Uniti se la cavano con meno di 600 parlamentari in tutto, pur avendo una popolazione cinque volte superiore e un territorio trenta volte più grande. Misteri della democrazia.

    • Abiff

      Gli USA sopravvivono con 100 senatori e 435 rappresentanti alla Camera, per l’esattezza. Ed il mandato dei parlamentari è di appena 2 anni.

      • Gino Ruggeri

        Gli USA sono uno Stato federale, sommate anche i parlamentari dei singoli stati e vedrete la differenza.

  • gianca3004

    fate pure il refendum,vedrete quanti sono per il mantenimento di 345 poltronari.

  • paolino

    penso che finirà tutto in una gigantesca farsa è stato uno spottone per i 5 stelle, ma nonostante ciò finirà nella classica sconfitta …………

  • Mirko

    Meno sono e meno paghiamo

  • Sbirulino19

    Dov’è finita la riduzione di spesa tanto voluta da Cottarelli con il gregge di esponeti del Pd? Li si che si possono ridurre miliardi di spesa pubblica, non le briciole del taglio dei parlamentari che porta più problemi che benefici.

  • Sbirulino19

    Con le lobby…