Un commento

A Parma bimba di 8 mesi inala
pezzi di castagna: salvata
dal medico cremonese Majori

E’ stata sottoposta a un delicatissimo intervento chirurgico salvavita all’Ospedale Maggiore di Parma: la piccola paziente è una neonata che non ha ancora compiuto 8 mesi e pesa poco più di 7 chili. A salvarla è stata la cremonese Maria Majori, pneumologo interventista dell’Unità operativa di Pneumologia ed Endoscopia toracica dell’Azienda Ospedaliera dell’Universitaria di Parma. La piccola stava mangiando una castagna quando ne ha accidentalmente inalato alcuni pezzetti, accusando sintomi da soffocamento. Ad intervenire immediatamente sono stati i componenti della sua famiglia e il problema sembrava già risolto. La mamma però si è accorta che nel modo di respirare della figlioletta c’era qualcosa di anomalo, avvertendo uno strano sibilo che prima non c’era. L’ha così portata in ospedale: i professionisti della Pediatria Generale e d’Urgenza e i radiologi pediatrici si sono accorti subito che il polmone sinistro non ventilava più, molto probabilmente proprio a causa dell’inalazione accidentale di alcuni pezzetti di castagna. Poco dopo la piccola era già nella sala operatoria dell’Otorino-Maxillo dal team guidato da Maria Majori, responsabile dell’equipe di pneumologia ed endoscopia toracica.
“È il primo intervento che eseguiamo su una bimba di questa età, delicatissimo e molto complicato – ha spiegato Majori – perché le vie aeree di un paziente di 7 mesi sono estremamente ridotte, tra i 3 e i 4 millimetri di diametro, bisogna quindi intervenire con la massima precisione per recuperare i corpi estranei e non causare nessun trauma al paziente”.

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sbirulino19

    Brava!