32 Commenti

Emergenza smog: a Cremona
polveri sottili da nove giorni
sopra la soglia critica

Foto Sessa

Si continua a parlare di emergenza smog, con Cremona a nove giorni di superamento della soglia critica di 50 microgrammi/mc di polveri sottili. Si tratta di uno dei valori più alti, superata solo da Milano, con 20 giorni, e da Pavia, con 10. Sono i dati rilevati nelle centraline urbane nelle giornate del 14 e 15 gennaio 2020. Cremona, insieme a tutti gli altri capoluoghi, a parte Sondrio, è ‘fuori legge’ per quanto riguarda lo stato di contaminazione atmosferica che nei capoluoghi della ‘Bassa’ si è attestata su valori circa doppi rispetto alle soglie di inquinamento stabilite dalla UE. Milano è l’unica ad avere già attivato le misure di emergenza di secondo livello, ed è l’unica ad aver migliorato, sia pur di poco, la propria situazione ambientale nella giornata di ieri che, contro le previsioni, è risultata in assoluto la peggiore in termini di qualità dell’aria da quando, negli ultimi giorni dell’anno scorso, è incominciata la fase di prolungata stabilità atmosferica.

Oltre alle limitazioni di secondo livello introdotte a Milano, sono scattate le misure temporanee di primo livello nei comuni con più di 30.000 abitanti e in quelli aderenti su base volontaria nelle province di Monza, Cremona, Lodi e Mantova. Considerate le previsioni meteo, ancora favorevoli all’accumulo degli inquinanti, ancora per almeno due giorni non si potrà procedere con la disattivazione delle misure temporanee. Le limitazioni sono invece state revocate a Bergamo e Brescia. L’introduzione delle misure si articola su due livelli in base al superamento continuativo del limite giornaliero per il PM10 (50 μg/m3) registrato dalle stazioni di riferimento (per più di 4 giorni 1° livello o per più di 10 giorni 2° livello) attraverso un sistema macchinoso e non tempestivo: la verifica per stabilire l’attivazione viene effettuata nelle giornate di lunedì e giovedì (giornate di controllo) sui quattro giorni antecedenti; le misure temporanee, da attivare entro il giorno successivo a quello di controllo (ovvero martedì e venerdì), restano in vigore fino al giorno di controllo successivo.

Sulla questione inquinamento è intervenuta Legambiente che parla di ‘immobilismo’ della Regione Lombardia. “L’aria da inizio anno è tossica e i livelli di polveri sottili non accennano a diminuire in buona parte del territorio lombardo, eppure l’assessore all’Ambiente Raffaele Cattaneo difende la decisione di non applicare ulteriori misure a per contrastare l’inquinamento dell’aria”. “Siamo stanchi dei botta e risposta ideologici su questioni importanti come l’inquinamento e la salute dei cittadini”, ha dichiarato Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia. “Come fa l’assessore Cattaneo a dire che i dati danno ragione a Regione Lombardia quando è proprio Arpa che certifica il dato di inquinamento giornaliero? Sarebbe più onesto dire che vedremo gli effetti delle misure strutturali in atto nel prossimo decennio (vedi rinnovo parco auto) ma le polveri sottili e gli NOx continueranno a tenerci compagnia perché non si investe abbastanza sulla riqualificazione degli edifici, non si cambia agricoltura e non si fa l’unica cosa che in altre città europee viene già attuata: limitare il più possibile la circolazione delle auto potenziando il trasporto pubblico locale rendendolo preferibile. Siamo difronte ad una situazione allarmante e Regione Lombardia indossa il paraocchi, aspettando l’arrivo provvidenziale di pioggia e vento, dimostrando così di non essere in grado di affrontare le emergenze in tema di smog e denigrando, anzi, quei Comuni virtuosi che si pongono in prima linea per contrastarlo anche con iniziative drastiche”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Sbirulino19

    Si continua con questa favola che la colpa dell’inquinamento è delle auto, ancora una volta si capisce perché i movimenti ambientalisti in Italia arrivano solo al 2%…

    • Ciudél

      Giá…e altri al 30% pur avendo rubato 49 milioni di euro…in Italia non é detto che le percentuali corrispondano al buon senso. E comunque si parlava anche di edifici, riscaldamento ecc. Ma di sicuro dove si usa la bicicletta e si é piú civili di noi sono tutti meno furbi. Avanti cosí…allegramente verso il baratro.

      • Sbirulino19

        Tralasciando volutamente gli impianti a biomassa responsabili di più della metà dell’inquinamento.
        Ripeto: se solo il 2% degli italiani vota per i movimenti ambientalisti, c’è un motivo.

        • Diretur

          Oggi hai imparato questa.. dai.. una cosa alla volta

          • Sbirulino19

            Di cialtronerie dette da questi pseudo-ambientalisti che scrivono lettere a destra e a manca te ne svelo fin che vuoi, e se ci arrivo io che non sono unto del signore, ci arrivano anche altri.

        • Andrea

          Come ad illuminatus ti dico: ma se ti dicessero che il fumo causa solo il 15% di tutti i tumori, per te smetterebbe di essere un problema? Se tuo figlio tutte le mattine si respira i fumi di scarico delle auto e ciò gli crea una patologia di qualche tipo, ti consola sapere che però il riscaldamento inquina di più?

          • Sbirulino19

            Quindi evitiamo di dirlo? Perché?

          • Andrea

            Evitiamo di dire che le auto non sono il problema, ma diciamo al massimo che sono il 20% del problema. Se dici che non sono un problema fai della dannosa disinformazione. Dannosa pure per te, i tuoi amici e la tua famiglia. Se a te non frega niente di tutto ciò ti prego di tenere in considerazione che su questo pianeta non conti piu degli altri.

          • Sbirulino19

            Diciamo che le auto hanno già dato, le altre fonti di inquinamento invece non abbastanza ed è utile ricordarlo. Io me lo ricordo mentre altri fanno gli smemorati.

          • Abiff

            Esatto.

          • Andrea

            Siete la fotocopia l’uno dell’altro tu e illuminatus. Comunque, puoi tu affermare che non esiste inquinamento prodotto da automobili? Puoi affermare con certezza che le stesse contribuiscano in maniera irrilevante (e bada bene, il 20% non è irrilevante, e neanche il 10%) all’inquinamento globale? Se non puoi farlo io ti chiedo: che senso ha questa lotta che fate ogni volta che qualcuno dice “le auto inquinano”?

          • Sbirulino19

            Io lotto contro chi non dice la verità e omette informazioni pur conoscendole. Ah che bello, oggi piove, così spazza via gli inquinanti (per l’80% non prodotti dalle auto che si vogliono sempre colpevolizzare)
            Per il 2,29% di “verdi” si sono già spazzati via da soli infatti è dal 2008 che non entrano in parlamento….e ci sarà un motivo….

          • Andrea

            Tu lotti contro chi non dice la verità ma difendi sempre il centro destra? coi 1000 processi a berlusconi e i rubli russi stai navigando nella verità. In ogni caso ti ripeto: se pensi che gli ambientalisti in italia siano il 2% allora non hai proprio capito nulla. E penso sia così. Io mi interesso all’ambiente ma non ho mai fatto parte di quel 2,29%, come il 99% della gente che conosco. Non so se riesci a capire questa piccolezza, ma ci provo.

          • Sbirulino19

            Fatti un po’ di domande:
            1 Cosa c’entra il berlusca?
            2 Casa c’entra il C.D.?
            3 Chi Ha detto che fai parte del 2,
            per il resto mi son rotto di leggere i tuoi commenti sbrodolati.
            Bye.

          • Andrea

            1. Professi la verità, ma ti bevi più stupidaggini di Barbara D’Urso;
            2. Il centro destra c’entra dal momento in cui tu usi i “verdi” per dire che diffondono fake news parlando dell’auto che inquina. L’auto effettivamente inquina, quindi non è una fake new. Le fake news sono quelle che spargete VOI che parlate dell’auto che non inquina solo perchè responsabile del 15% dell’inquinamento. E’ come dire che il cancro non uccide perchè uccide solo il 15% della popolazione globale. Chi fa fake news?
            3. Come altra tua fake news ti sei inventato il 2% di ambientalisti, quando il 2% sono i verdi. In Italia molti pensano all’ambiente, non il 2%. Sentiti pure in maggioranza, ma a parte Abiff tutti vedono la realtà di quello che dici. Probabilmente anche Abiff ma gli piace avere il barboncino

  • Abiff

    Se ormai anche al CNR dicono le auto c’entrano pochissimo, perché non focalizzare sulle VERE fonti dell’inquinamento? Che magari lo riduciamo per davvero?

    • Andrea

      Aspettavo il classico commento da illuminatus…un giorno (se non ricordo male) tu (o facciamo che non sei tu) mi dissi che le auto producono meno del 20% dell’inquinamento, e che quindi non costituiscono un problema. E’ come se ti dicessi che il fumo è responsabile solo del 20% dei tumori, e che quindi non è un problema

      • Abiff

        Il CNR si preoccupa dell’80%, come dovresti fare anche tu, visto che lì le autorità non fanno alcuna misura contenitiva.

        • Andrea

          Io mi preoccupo del 100%, non sono come voi che se si parla di fascismo insultate il comunismo. Io odio il fascismo e odio il comunismo, non voglio l’inquinamento dei riscaldamenti e nemmeno quello delle macchine, anche se è il 20% che è comunque tantissimo

          • Abiff

            Il comparto auto ha fatto investimenti e passi enormi negli ultimi 10 anni per ridurre l’inquinamento, con riduzione notevole sia di Pm10 sia di NOX.

            E quelli che fanno caldaie? O i macchinari industriali? Vogliamo parlare dei treni diesel-electric, o lo spandimento dei liquami nei campi? O gli inceneritori? Perché non dare addosso agli autobus, i furgoni ed i camion?

            Strano ma per ridurre l’inquinamento che comprende anche questi ultimi grandi inquinatori, le autorità limitano i traffico leggero privato. Mah… in ogni caso, si vede che non funziona.

          • Andrea

            Nessuno ha mai detto che non si debba fare nulla per tutto il resto, ben vengano caldaie meno inquinanti e macchinari industriali green. Mi chiedo come mai però ogni volta che si dice che le auto inquinano (il che è vero) voi ve la prendiate così tanto….è assurdo.

          • Abiff

            Forse perché le autorità non fanno mai nulla sul fronte delle fonti principali dell’inquinamento?

            E mi fermo qui, perché se non hai ancora capito, o mi prendi in giro, o davvero con te è inutile. Buona giornata.

          • Sbirulino19

            La seconda.

          • Andrea

            Dai che ti regala un tostapane al decimo mi piace, Fido

          • Andrea

            Ti fermi qua perchè non hai alternative. Come sarebbe non fanno mai nulla? non è vero, in italia stanno partendo progetti per la riqualificazione degli impianti di riscaldamento, la stessa Legambiente che voi denigrate sempre si sta muovendo per i riscaldamenti, e nel 2019 è partito anche un progetto europeo. Comunque è chiaro che nessuno può pensare alla sostituzione istantanea di tutti i metodi di riscaldamento, ma già iniziare attaccando Legambiente insieme al tuo socio Sbirulino…non è il massimo…anche con le auto è successa la stessa cosa….

          • Gianluca

            Giusto per fare una puntualizzazione: stamane ore 8 in corso Mazzini transitava un autobus con targa DS……(quindi immatricolazione del 2007 su per giù). A che normativa ecologica corrisponde un mezzo di 13 anni fa? (Euro, Lire, Ducati, Dobloni). Praticamente dovremmo lasciare a casa auto di nuovissima concezione ecologica per usare un mezzo che sbuffa come una ciminiera? Anche no (visto che a Roma ad esempio nonostante il blocco l’inquinamento è salito). Ciò non vuole certo dire che le auto non facciamo la loro parte per quanto concerne l’inquinamento, ma d’altronde sono di certo i mezzi che le amministrazioni possono meglio colpire. Hai voglia ad andare a controllare le caldaie, i riscaldamenti, i camini, ecc. ecc.

          • Abiff

            Purtroppo ha ragione.

  • Seppe Marin

    Mi piacerebbe sapere con quale criterio operano i signori, ad esempio, un numero a caso: X3VTXM… scooter vetusto, con la marmitta ad espansione, con il silenziatore bucato, emittente inquinanti oltre che acustici, ambientali, elevati, brucia olio e benzina malamente, lasciando una scia maleodorante per tutta la città, ma gira giorno e notte indisturbato.

    • Sbirulino19

      Basta segnalarlo alle autorità competenti.

  • Mirko

    Ma mettere qualche piantina o qualche boschetto no?? Così assorbono la co2

  • Seppe Marin

    le VS vie respiratorie sono come le nostre, la VS libertà arriva fino a non intaccare la nostra, se voi godete con il puzzo del monossido di carbonio che vi fa’ stare bene, non dovete avere pietà per nessuno….neanche per voi!

  • Gemelli

    E io dovrei andare in bici? Col cavolo! A questo punto non volendo andare in auto, i mezzi pubblici elettrici con orari MOLTO elastici potrebbero aiutare?