6 Commenti

In via Castelleone 53 incidenti
in un solo anno. La classifica
delle strade più a rischio

C’è via Castelleone nella ‘top ten’ delle strade più a rischio incidenti. Dalle rilevazioni della polizia municipale, nell’arco di tempo di un anno solo in questa strada si sono verificati ben 53 sinistri stradali. Un aumento preoccupante, se si conta che nel 2018 gli incidenti erano scesi a 21 dai 36 del 2017. Al secondo posto c’è via Mantova, con 42 incidenti rilevati nel 2019 contro i 19 del 2018 e i 38 del 2017. Segue poi via Zaist, zona tangenziale, con 38 incidenti nel 2019 rispetto ai 10 del 2018 e ai 6 del 2017. Nel 2019 in via Seminario, sempre zona tangenziale, di incidenti ce ne sono stati 34 rispetto ai 14 dell’anno 2018 e ai 10 del 2017. Altra strada ritenuta ‘pericolosa’ è via Bergamo, con 33 incidenti nel 2019, seguita a pari merito da viale Trento e Trieste e via Persico, entrambe con l’attivo 32 incidenti. Ovviamente se si rispettano il codice della strada e le limitazioni della velocità, non c’è strada a rischio che tenga, ma sicuramente quelle nominate sono le zone dove c’è la maggiore incidentalità. Preoccupante il numero di incidenti stradali accaduti nel 2019 in città: 800, rispetto ai 660 del 2018 e ai 615 del 2017. Velocità e distrazione sono all’ordine del giorno e considerate le principali cause. Per fare opera di prevenzione e contrasto, la polizia municipale tornerà sulle strade con autovelox e telelaser. L’attività di polizia stradale dei vigili urbani parla di 1150 violazioni per eccesso di velocità, di 900 violazioni alla revisione dei veicoli, 339 per uso del cellulare, 193 violazioni relative all’assicurazione e 172 per mancato uso delle cinture di sicurezza. Nel 2019 complessivamente sono stati tolti dalle patenti 9.892 punti.

Sara Pizzorni

SCARICA QUI LA TABELLA SULLE STRADE PIU INCIDENTATE

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Chicca

    È vero che è una strada a rischio, come tante altre, ma cè da dire che ad alcuni automobilisti cè da torgliere la patente !!!!

  • Braccioforte

    Cosa dire le due ultime giunte hanno dato un notevole contributo al peggioramento della sicurezza stradale, la rivoluzione viabilistica attuata da politici e tecnici dal 2014, fine giunta Perri, leggendo la tabella allegata, ha portato in termini percentuali, a un notevole incremento dei sinistri: via Castelleone +38%; via Trento e T.+25% (pista ciclabile?); via Seminario+41% (maggior traffico a causa delle nuove aperture commerciali?); via Persico +56%( Sottopasso e nuova rotatoria?) Via Giordano +48% (una ottima risposta alle aspettative dei residenti); via Eridano +55% (nuove aperture commerciali?); via Brescia +42%(sottopasso e rotatoria?); viale Concordia +64%; via Sesto+42% (viabilità non adeguata alle nuove aperture?). Direi che ulteriori commenti sono inutili.

    • Abiff

      Ulteriori commenti non sono affatto inutili. L’amministrazione attuale e quella precedente hanno creato strade più pericolose, con rischi fortemente aumentati a persone e cose, e devono essere tenute responsabili.

    • Mirko

      Concordo pienamente

  • blueyes_d

    Via Castelleone, via Eridano ma anche le centralissime Via ruggero Manna e via Plasio, son diventate delle piste da corsa. Non c’è nessun rispetto dei segnali stradali né di buon senso. Ci si deve fare il segno della croce ogni volta che ci si mette in auto, sperando che vada tutto bene per quanti incoscienti ci sono sulle strade.invece di impiegare la forza lavoro per il controllo dei ticket dei parcheggi sarebbe più utile controllare la circolazione.

    • Abiff

      Intorno al Maury’s anche la segnaletica non risponde ai canoni del buonsenso…