17 Commenti

La Fiab apre area tecnica per
segnalare criticità delle piste
ciclabili: coord. Filippo Bonali

Nuovo incarico in Fiab per Filippo Bonali, consigliere nella passata amministrazione ed estensore del Biciplan, la pianificazione delle piste ciclabili cittadine che sta progressivamente diventando realtà. Da gennaio la sezione cremonese della federazione Amici della Bicicletta si è dotata di un’area tecnica che avrà il compito di fare advocacy nei confronti della pubblica amministrazione per ottenere interventi e provvedimenti a favore della circolazione sicura della bicicletta e, più in generale per migliorare la vivibilità urbana.

Filippo Bonali

Bonali si occuperà appunto di quest’area e ha iniziato una ricognizione di tutte le ciclabili per rilevare i problemi esistenti. “C’è bisogno però dell’aiuto di tutti i ciclisti – afferma Bonali – di tutti coloro che utilizzano la bici per i propri spostamenti, per segnalare le cose che non vanno o che possono essere migliorate: buche, righe e cartelli mancanti o incongruenti tra di loro, piste che finiscono nel nulla, attraversamenti non segnalati.” Per fare queste segnalazioni si può scrivere una mail, meglio se con foto allegata, nome della via e breve descrizione a: areatecnica@fiabcremona.it
“I nostri tecnici – aggiunge Bonali –  dopo i sopralluoghi e dopo aver elaborato le vostre segnalazioni, consegneranno una mappa completa all’Assessorato Mobilità affinchè si possa intervenire puntualmente e, speriamo, prontamente. Tra qualche settimana potrete vedere il lavoro completo su una mappa interattiva di Google MyMaps.
Contiamo sul vostro aiuto per rendere Cremona più ciclabile e più sicura per tutti”

© Riproduzione riservata
Commenti
  • paul

    Bravi!

  • Abiff

    Scusate, ma non era già tutto a norma? Lo affermò Bonali stesso!

    Adesso sono i cittadini che si devono improvvisare tecnici laureati ed iscritti all’albo (cit.) per segnalare le magagne? Da non credere, siamo davvero alle comiche!

    • Gianluca

      Evidentemente no. Però ricordo perfettamente le risposte alle ns. critiche.

      • Abiff

        Eccole: “[La ciclabile di viale Trento e Trieste] non sicura in base a cosa? Sono sue sensazioni [di Fasani]”– afferma Bonali. “Oppure l’altra opzione è che stia dando dell’incapace al dirigente del settore mobilità e dell’incompetente al Direttore Lavori?”

        CITAZIONE

        • Jeppetto

          In effetti sulle capacità… mah?! Con “piste che finiscono nel nulla e attraversamenti non segnalati” penso che ci sia già un bel po’ di lavoro da fare…

      • Diretur

        Gli scienzati di CremonaOggi inascoltati.. mannaggia..

        • Gianluca

          Commento che non aggiunge alcun valore alla discussione.

          • Jeppetto

            Condivido…

        • Gemelli

          La invito sulla ciclabile di Via Sesto , per vedere dove finisce .

    • Gemelli

      Potrebbe essere utile ,vorrei sentire cosa dicono i decantatori delle ciclabili perfette.

      • Abiff

        Qui i ciclotalebani tacciono tutti… strano…

    • Jeppetto

      “Tragi” comiche 🙂

  • Roberto

    Sarebbe meglio istruire i ciclisti circa le regole del codice da rispettare!

  • Gianluca

    Prima fanno le cose “di testa loro” fingendo di coinvolgere il cittadino in progetti che non cambieranno manco di una virgola. Poi a cose fatte rendendosi conto che i difetti sono molteplici, chiedono agli utenti di segnalare le magagne così da poterle sistemare.

    • Jeppetto

      Beh, non fa una piega! (Per mantenere il sorriso elettorale…)

  • Abiff

    Segnalare “piste che finiscono nel nulla” a quelli che le piste le hanno fatte…questa è proprio una perla. Che tristezza, Cremona!

  • Invece di ringraziare chi a titolo gratuito si mette a disposizione della cittadinanza fate i fenomeni…. Tutto e’ perfettibile, fortunatamente ci sono persone ed associazioni che lavorano ed aiutano cittadini ed amministrazione. Tutte queste critiche non le ricordo per la mirabilante linea gialla di viale trent e trieste, ex assessore Fasani se non ricordo male. Ah gia’… li si criticavano le persone in bici sul marciapiede, peccato che usavano il marciapiede perche’ circolare in bici protetti da una linea colorata a terra dietro le auto in sosta era pericolosissimi. E come dimenticare la giunta che decise di modifica l’accesso a san felice e san savino. Come? Bhe un cavalcavia a san felice per eliminare il passaggio a livello. Giusto, peccato che invece di fare un sottopasso per pedoni e ciclisti, hanno fatto la ciclabile a fianco della strada. un salita ed una discesa che ciclisti esperti faticano a fare. Gli anziani??? Li vedi a piedi, desolati, sotto il sole che spingono le loro bici. COMPLIMENTI!!!!!!!!!!!! San savino? Bhe adesso hai il cavalcavia, chiusa la strada. GENIALI!!! A critichare tutti bravi, BRAVA invece FIAB e Filippo Bonali che raccolgono le osservazioni, anche di di chi commenta qui in tono polemico, per elaborare proposte migliorative sulle infrastrutture ciclabili. Questa e’ la differenza tra chi critica, ma non fa nulla…. e chi accetta le critiche e prova fare qualcosa.