Ultim'ora
Commenta

Raddoppio ferroviario:
la grande opera inizia a
muoversi a Piadena Drizzona

PIADENA DRIZZONA/BOZZOLO – Dove c’è un cantiere c’è fermento che spesso si traduce in opportunità e miglioramento. I lavori per il “raddoppio” del tratto ferroviario Mantova-Cremona-Milano vanno sicuramente in questa direzione, soprattutto quando si parla di nuove infrastrutture che possano arricchire le vie di comunicazione della zona OglioPo.

Il primo lotto riguarderà il segmento che congiunge Piadena e Mantova. Il comunicato diramato entra nello specifico puntando proprio su quel frammento di territorio: “Le prime verifiche hanno visto l’interessamento di ItalFerr e di Rete Ferroviaria italiana per individuare le aree interessate in particolare nei comuni di Piadena, Drizzona e pure di Bozzolo. Una delle aree in questione, peraltro, è indicata come rilevante dal punto di vista archeologico nel PGT di Piadena Drizzona, trovandosi tra le ferrovia e il cimitero del Vho. Ricordiamo che proprio nella frazione del Vho sorgono di Lagazzi, sito palafitticolo protetto dall’Unesco”.
Sono stati esposti dei cartelli informativi circa i lavori che verranno eseguiti in cui si parla della durata di circa un mese ed entro la fine di febbraio sarà conclusa l’indagine di natura archeologica, quindi tempi premature per la posa di binari, ma comunque una “scossa” che dà il via al progetto. In realtà i tempi effettivi saranno ovviamente più lunghi in quanto l’iter approvativo dovrebbe concludersi a marzo 2021 ed il progetto potrà essere validato con conseguente inizio lavori fissato per il settembre successivo. Il treno non aspetta, ma c’è chi aspetta il treno e per vedere l’opera conclusa bisognerà attendere, secondo la stima effettuata, circa tre anni e mezzo con i biglietti che potranno essere obliterati a maggio 2025. Insomma: nessuna fretta, eppur si muove.

L’opera è classificabile in quelle di grande portata, ma l’utilità ne sarà certamente apprezzata dai cittadini del distretto. I costi? “In totale questa prima operazione costerà 490 milioni di euro su un investimento complessivo che comprende il tratto da Piadena a Codogno – ma se ne riparlerà più avanti – da 1 miliardo e 320 milioni di euro”.

Alessandro Soragna

© Riproduzione riservata
Commenti