15 Commenti

Ordinanza regionale, restrizioni
fino al 13/4 e obbligo di coprirsi
naso e bocca quando si esce

Da domani, domenica 5 e fino al prossimo 13 aprile, resteranno in vigore le misure restrittive già stabilite per l’intero territorio lombardo lo scorso 21 marzo con ordinanza regionale. Lo comunica, in una nota la Regione Lombardia che chiarisce: “In particolare il documento regionale conferma la chiusura degli alberghi (con le eccezioni già in vigore), degli studi professionali, dei mercati e tutte le attività non essenziali. Inoltre, sarà possibile acquistare articoli di cartoleria all’interno degli esercizi commerciali che vendono alimentari o beni di prima necessità, già aperti.  Sarà anche possibile la vendita di fiori e piante solo con la consegna a domicilio.

La novità importante della nuova ordinanza riguarda le misure da adottare per chi esce di casa: “L’ordinanza del presidente della Regione introduce anche l’obbligo per chi esce dalla propria abitazione di proteggere se stessi e gli altri coprendosi naso e bocca con mascherine o anche attraverso semplici foulard e sciarpe. Gli esercizi commerciali al dettaglio già autorizzati (di alimentari e di prima necessità) hanno l’obbligo di fornire i propri clienti di guanti monouso e soluzioni idroalcoliche per l’igiene delle mani”.

“Infine, ai sensi del decreto legge del 25 marzo scorso che vieta alla Regione di intervenire sulle attività produttive – conclude la nota – è stato chiesto al Governo di confermare con un dpcm specifico, la chiusura dei cantieri edili e di permettere, invece, le attività legate alla filiera silvopastorale (come, ad esempio, il taglio della legna)”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • zenigweb

    L’ organizzazione mondiale della sanità prescrive di usare le mascherine (professionali)solo in ambito sanitario per non creare false sicurezze e conseguenti comportamenti non corretti che potrebbero avere conseguenze anche letali e lui che fa? Obbliga ad usare la sciarpa…non stupiamoci di essere messi così male.

    • MrCairo

      La sciarpa o le mascherine chirurgiche (non le ffp2 o 3), servono a non permettere ai propri droplet (goccioline di saliva “grosse”) di essere, scusami il termine, “sputazzati” su altre persone: esse sono infatti il vettore principale del contagio (non nell’aria, ma da persona a persona direttamente). Le mascherine professionali proteggono dall’esterno, sì, ma sono poche, costose, certificate per essere efficaci per un tempo contenuto. Se si adottano le semplici abitudini (mani, distanza, ecc.) non si necessita di ffp2 o 3. Lasciamole ai sanitari e ai lavoratori a stretto contatto che ne hanno davvero bisogno.

      • Jeppetto

        D’accordo, resta sempre il nodo dell’introvabilità delle mascherine “azzurre”… Vabbé, fa freddo, mettiamo la sciarpa 🙂

      • Tuono

        È nato prima l’uovo o la gallina? Se sono un asintomatico e non ho la mascherina sono un potenziale untore?

    • maumamaro

      “L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) potrebbe rivedere le sue raccomandazioni sull’uso delle mascherine alla luce dei risultati di un nuovo studio dell’MIT, secondo cui le goccioline emesse con un colpo di tosse o uno starnuto possono ‘viaggiare’ nell’aria per distanze ben più ampie di quanto si pensi: lo ha detto alla Bbc l’infettivologo David Heymann, presidente di un gruppo di consulenti dell’Oms che valuterà se – per rallentare la diffusione del virus – è necessario che un maggior numero di persone indossino le mascherine.”

    • Jeppetto

      In effetti quella della sciarpa è una cavolata. Dovrebbero distribuire gratis le mascherine di base nelle farmacie e nei supermercati! Con tutte le tasse che paghiamo!

    • Lidans

      Niente da dire sull’infelice affermazione del Capo ProtCivile Borrelli: “Io non le uso, sto lontano”???
      Capo ProtezioneCivileNazionale!!..speriamo non arrivi una pandemia..
      ops..

    • Tuono

      Oms? proprio loro che hanno sbagliato la valutazione del rischio sulla diffusione del virus. Il Presidente Fontana con Gallera e tutto il loro staff hanno fatto e stanno ancora facendo un grande lavoro. Hanno dimostrato d’avere le PALLE.

  • Pamy

    Ok. Sono d’accordo, basta che però le facciano trovare dai rivenditori autorizzate e le facciano pagare un prezzo ragionevole.

    • Jeppetto

      Condivido! Io però ho già quelle di cotone autoprodotte, con in mezzo uno strato di tessuto non-tessuto…

  • Elisa Arcari

    Bene. E se non trovate le mascherine non preoccupatevi, esistono tanti sostituti.Io sto usando mascherine cucite da me, ci sono tanti tutorial in internet, soprattutto su youtube. Si possono fare con carta da forno o asciugatutto, con tessuto non tessuto, di cotone, ecc. Le mie sono di due strati di tessuto di cotone e uso garze in tnt come filtro. Non sono una sarta ma a furia di provare ho ottenuto risultati più che discreti. Altrimenti potete usare un paio di giri di foulard o di sciarpa o degli scaldacollo in tessuto. L’importante è non diffondere la propria saliva e quindi non rischiare di contagiare qualcuno pensando di essere sani quando in realtà magari si è solo asintomatici.
    Anche perché le mascherine più professionali con filtri vanno usate solo dai sanitari, che devono stare vicini ai pazienti. Noi invece dobbiamo continuare con il distanziamento sociale e le giuste abitudini igieniche.
    Mi raccomando però di disinfettare bene qualsiasi cosa usiate come mascherina. Buttate subito quelle di carta e lavate immediatamente le mascherine di stoffa e le sciarpe, magari bollitele anche per sterilizzarle meglio! E se comprate mascherine vere riutilizzabili fatevi consigliare come sterilizzarle al meglio.E lavatevi sempre bene le mani dopo averle maneggiate!

  • Anna

    Salve, io ho un impresa di pulizie ( facciamo pulizie nei condomini) siamo stati fermi per due settimane, ma volevamo capire bene, se noi come impresa possiamo lavorare o no ( perché le pareri dei Aministratori sono diverse ) e possibile da lunedì 6.04.2020 uscire ??
    Grazie

    • Chicca

      Nel condominio dove abito io , zona po l ‘ impresa di pulizie sta venendo regolarmente !!!

    • Abiff

      Se la sua attività rientra tra quelle autorizzate a lavorare, sì, altrimenti no. Provi a confrontare il suo codice Ateco con la lista di quelli relativi alle imprese autorizzate, lo scopre subito.

  • Chicca

    Il Veneto ha acquistato 24 milioni di mascherine , e la Lombardia??