Ultim'ora
2 Commenti

Coronavirus, tra febbraio
e aprile chiuse
quasi 300 aziende

Sono 299 le imprese che hanno chiuso i battenti nei tre mesi dell’epidemia (febbraio, marzo e aprile) sul territorio cremonese. Questi i dati elaborati dalla Camera di Commercio di Cremona. La maggior parte si è concentrata già a febbraio (164 chiusure). Ad avere avuto la peggio sono le imprese del commercio al dettaglio: sono stati 60 i negozi che hanno abbassato definitivamente le serrande in questo periodo. La pandemia è stato infatti un duro colpo a un settore che già era in ginocchio. Non va meglio al commercio all’ingrosso, che ha visto morire 30 aziende.

Male l’edilizia: 41 sono le imprese di costruzioni, sia generiche sia specializzate, che non sono riuscite a superare questo periodo di crisi, a causa della perdita di commesse o dello slittamento di lavori, che si uniscono agli ormai annosi ritardi nei pagamenti da parte della pubblica amministrazione.

Pesanti conseguenze anche per la ristorazione: in questi tre mesi hanno cessato l’attività 28 locali di questo tipo. Insomma, non per tutti la possibilità della consegna a domicilio è stata sufficiente, e per alcune attività la chiusura per pandemia è stata il colpo di grazia.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti