Ultim'ora
Un commento

Luna park, buio a
Cremona, a Gerre già
installate le giostre in piarda

A darne notizia è il sindaco di Gerre Michel Marchi dalla sua pagina Facebook: al Bosco sono arrivate le giostre, notizia che fa da contrappeso alle difficoltà che invece si stanno riscontrando a Cremona, dove certo il luna park di san Pietro è di ben altre dimensioni e impone protocolli difficili da sostenere. A giorni titolari delle attrazioni e istituzioni competenti arriveranno a una definizione ufficiale, anche se si va verso lo stop.

“Se fossimo in un tempo normale – scrive Marchi –  questo sarebbe un successo, dal punto di vista turistico, eccezionale. Oggi, invece, la questione va analizzata in un contesto più ampio: innanzitutto l’esigenza di riconsegnare un po’ di socialità e normalità, per quanto possibile, ai nostri figli. Sono fermamente convinto che i segni di quanto vissuto rimarranno indelebili anche se, magari, oggi sono meno visibili. Si parla molto del concetto di “nuova normalità”: io credo che questo non significhi rinunciare a sorridere, a svagarsi, ma piuttosto essere consapevoli di ciò che è stato e fare il possibile affinché non si ripeta. E non credo sia una mancanza di rispetto nei confronti di nessuno.

“Per questo le attrazioni presenti, che ringrazio, hanno collaborato con il Comune per adottare i più rigorosi protocolli sanitari previsti dalle ordinanze regionali (compreso l’obbligo di mascherina dai 6 anni in su). È un terreno nuovo per tutti, sia chiaro, ma ciò non ci deve impedire di sondarlo! Le giostre hanno avuto il parere favorevole della commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo (composta da vigili del fuoco, ATS ed esperti)”.

Quanto alla durata, è stata autorizzata la permanenza per tutto il periodo estivo, con le dovute cautele e verifiche periodiche, sia per quanto attiene l’andamento epidemiologico sia per l’eventuale esigenza dei titolari di spostarsi presso altri Comuni.

“Ho letto molti commenti circa la potenziale organizzazione del Luna Park di Cremona, in vero poco assimilabile e comparabile al nostro per dimensioni e tipologia. Non entro nel merito delle valutazioni personali sull’opportunità di organizzarlo o sulle legittime paure, mentre mi permetto una parola sulla sicurezza: ho una figlia di 3 anni e frequento diversi parchetti per bambini con scivoli eccetera e sono fermamente convinto che igiene e sicurezza sanitaria siano più garantite e sostenibili in questo Luna Park che in qualunque di queste aree gioco, così come il rischio di assembramenti e vicinanza”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti