Ultim'ora
4 Commenti

Nasce il comitato per chiedere
il trasferimento di Ats
da Mantova a Cremona

Si è costituto il comitato per chiedere il trasferimento della sede dell’Ats Valpadana da Mantova a Cremona. Promotore Beppe Bettenzoli,  segretario di Rifondazione comunista. “Non è un’iniziativa di partito – precisa – Vuole essere un punto di aggregazione aperto a tutti coloro che credono sia necessario questo primo passo per fare quel cambiamento necessario per potenziare la medicina sul territorio e, nel nostro caso, per avvicinarla ai cittadini della nostra provincia”.

A dimostrazione della trasversalità del Comitato, tra le prime adesioni figura quella del consigliere regionale Cinquestelle Marco degli Angeli che ha dichiarato: “Ci vuole una scelta coraggiosa. Ats Valpadana ha fallito. I fatti lo dimostrano. Per potenziare la medicina territoriale lo strumento va rivisto”.

Al comitato hanno già aderito anche l’Unione sindacale di Base, la Cub, Antonio Macrì del comitato Verità giustizia parenti Rsa Crema, i Giovani comunisti, il regista Fausto Lazzari, i Verdi Europa. Sulla costituzione del comitato Maurizio Borghetti, medico in prima linea nella lotta contro il Covid 19 ha commentato: “La proposta del comitato è condivisibile. E’ infatti necessario ridefinire gli ambiti territoriali dell’Ats in modo che siano più omogenee rispetto alle strutture sanitarie esistenti”.

Favorevole all’iniziativa anche Attilio Galmozzi, medico che  è stato uno dei protagonisti della  lotta contro il virus. Tra i partecipanti all’iniziativa anche Antonio Grassi, sindaco di Casale Cremasco Vidolasco, che per primo ha sollevato il problema dell’assurdità di avere la sede dell’Ats a Mantova. Con lui anche il sindaco di Bagnolo Paolo Aiolfi.

Per non limitarsi alle parole, mercoledì scorso il consiglio comunale di Casale Cremasco Vidolasco ha approvato una mozione che chiede appunto lo spostamento della sede dell’Ats da Mantova a Cremona. Verrà inviata a Regione, Provincia, Area Omognea e ai consiglieri regionali del territorio.

Seguendo l’esempio di Grassi altri sindaci e consiglieri comunali porteranno il testo della stessa mozione o  analoghi  in discussione nei prossimi, appunto, consigli comunli.  Tra i sindaci figurano Nicola Marani di Salvirola, Davide Bettinelli di Chieve, Attilio Polla di Romanengo, Agostino  Guerini Rocco di Campagnola, i consiglieri Giovanni Calderara di Agnadello e Giuseppe Figoni di Torlino,  Andrea Serena di Pianengo, Daniela Brognoli consigliera di Ticengo.

“In questa vicenda – sottolinea Bettenzoli – spicca l’assenza e il silenzio dell’Area Omogena che non è riuscita a stilare un documento unitario su questo tema. Mi chiedo a questo punto a cosa serva. E quale sia il ruolo del presidente Aldo Casorati. Condivido quanto sostenuto anche dal Pd regionale e cioè che debba essere dato più potere ai sindaci e un ruolo maggiore nella tutela della salute nelle comunità locali. Comunque nei prossimi giorni faremo una riunione del Comitato e renderemo pubblico un documento sul quale chiederemo le adesioni dei cittadini”.

© Riproduzione riservata
Commenti