Ultim'ora
Commenta

'Sicurezza per ogni età': al via
la campagna di prevenzione
della Questura contro truffe

Tenere al sicuro tutte le fasce d’età della popolazione, ma in particolare modo quelle più deboli: questo l’obiettivo della campagna informativa della questura ‘Sicurezza per ogni età’, che mira alla prevenzione di truffe e raggiri. Una serie di depliant, personalizzati con le figure di diversi comuni del territorio, che andranno distribuiti in maniera capillare, insieme a locandine nei negozi e sugli autobus, e addirittura sacchetti del pane e della frutta con stampato “chiama il 112”. Insomma, una campagna informativa a 360 gradi allo scopo di essere vicini alle persone più a rischio.

“La campagna è rivolta a tutte le età, perché chiunque può essere vittima dei truffatori” spiega il questore, Carla Melloni. “Naturalmente poi ci sono le fasce più a rischio, persone con qualche anno in più, che spesso vivono sole e per questo sono ancora più indifese”.

Il messaggio fondamentale che la polizia vuole far passare, è “che ci siamo sempre, che siamo sempre disponibili. Vogliamo che la gente ci chiami, per qualsiasi situazione dubbia. Perché è meglio una telefonata in più che una in meno”.

Le raccomandazioni sono sempre le stesse: non aprire la porta a sconosciuti, chiamare nel caso si presentino situazioni dubbie, prestare attenzione quando si è in strada, ma anche quando si esce dalla posta o dalla banca. “Abbiamo dato indicazioni su come muoversi nei vari ambienti che si frequentano” continua il questore. La campagna sarà impreziosita da una serie di incontri, organizzati in collaborazione con le diocesi di Cremona e Crema, nelle varie parrocchie del territorio, ma anche presso le associazioni di categoria, nelle università popolari, nei quartieri e addirittura nelle case di chi vorrà scambiare qualche parola con le forze dell’ordine.

L’esigenza di una sensibilizzazione sul tema si avverte da tempo, a fronte di una recrudescenza di questi fenomeni: “Secondo la ricerca criminologica, la delittuosità sta evolvendo nella ricerca di queste categorie di vittime” spiega il questore vicario, Corrado Mattana. “Sono quindi in aumento le truffe e le attività delittuose nei confronti della terza età, e spesso da parte delle vittime si fa strada un sentimento di vergogna per essere state raggirate”. Sentimento che, sottolinea il questore Melloni, “non deve assolutamente esserci. Bisogna sempre chiamare la polizia e chiedere aiuto”.

IL DEPLIANT CON LE INDICAZIONI

lb

© Riproduzione riservata
Commenti