Ultim'ora
Commenta

Covid, in provincia di Cremona
in un mese casi positivi
cresciuti del 16%

La curva dei nuovi positivi e soprattutto l’occupazione dei posti letto nelle terapie intensive regionali è cresciuta molto rapidamente nell’arco di ottobre. Lo mostrano i grafici elaborati settimanalmente dal consigliere regionale Samuele Astuti, che rilevano la “progressione esponenziale dei positivi” in regione Lombardia: nell’ultima settimana i tamponi positivi sono stati “39.126, quasi il doppio di quanto rilevato nella scorsa settimana (erano 20.028) e cinque volte più di quelle precedenti (erano 8.842, 2.818 e 1.596).
Nella settimana che si chiude oggi sono stati comunicati circa 240.000 tamponi, ancora in crescita rispetto al livello delle ultime settimane.
La percentuale dei casi positivi sul numero di tamponi efficaci (positivi + negativi) supera il 19% e anche la percentuale di tamponi positivi per le persone «nuove» sottoposte al test sale oltre il 26,5%. Non si rilevavano valori simili da aprile!
Il numero dei ricoverati (sia in terapia intensiva che non) cresce esponenzialmente rispetto alle ultime settimane (siamo oggi a 345 ricoverati in terapia intensiva, rispetto ai 156 della settimana scorsa e ai 72 di quella precedente)”.

La provincia di Cremona non è tra le peggiori in Lombardia, con una crescita di contagi quantificata attorno al 1500%, cioè tra le dieci e le quindici volte il valore di riferimento (ossia i casi positivi a fine settembre). Al 30 settembre i positivi totali erano 6937; al 29 ottobre 8.235, con una crescita di 1.298 unità, pari al 16%. Molto peggiore la situazione nelle province di Varese, Como e Lodi, con incrementi di circa il 20%; incrementi contenuti tra il 5 e il 10% invece a Brescia. Bergamo Sondrio, Mantova e Pavia.

 

© Riproduzione riservata
Commenti