Ultim'ora
Commenta

L'allarme del sindacato Orsa:
'Trenord in crisi, possibile
taglio di servizi e di lavoratori'

Trenord potrebbe tagliare di circa il 20% i servizi e conseguentemente il personale, se dalla Regione non arriveranno contributi aggiuntivi. Lo dichiara il sindacato Orsa a seguito di un incontro con l’Ad di Trenord Piuri, il 9 novembre. “L’AD – si legge in un comunicato del sindacato – ha detto che rispetto alle risorse mancanti per il Trasporto Pubblico Locale, nonostante l’intervento dello Stato e della Regione, in Trenord nell’anno 2020 dovrebbero mancare circa 150 milioni, infatti i mancati ricavi saranno ben superiori ai 200 milioni prospettati nei mesi precedenti.
“Trenord ha evidenziato che nel 2019 ha chiuso il bilancio con 840 milioni di euro, quindi con un margine di 6 milioni lordi, mentre per il 2020 l’Azienda il bilancio dovrebbe chiudere con una perdita vicino al patrimonio netto e dunque, come avviene in tutte le società, se la perdita è superiore ad 1/3 i soci dovrebbero ricapitalizzare.
Quest’anno inoltre il Contratto di servizio scade e, per questo motivo, è stata richiesta la proroga di un anno a Regione Lombardia: quindi arrivare fino al 2021. L’attuale situazione avrà ricadute almeno fino alla primavera del 2021 con incertezze per l’intero anno”.
“L’azienda ha comunicato che gli ammortizzatori sociali, attualmente, non potrebbero garantire il supporto dell’interezza del personale di Trenord, bensì solo di 300 lavoratori per tutto l’anno lavorativo”.

© Riproduzione riservata
Commenti