Cronaca
Commenta1

Cremona, con indice Rt a 1,45, tra le province che potrebbero diventare arancioni

La mappa pubblicata su Repubblica

Cremona è tra le province che potrebbero diventare arancione in un’eventuale rivisitazione delle limitazioni. Questo quanto emerge dai dati sull’indice di contagio preparati per la Cabina di regia dalla fondazione Bruno Kessler e riportati su Repubblica, dove emerge che l’indice Rt della nostra provincia è di 1,45 e quindi compreso tra 1,25 e 1,50, che è il range previsto per la zona arancione.

Tra le altre province lombarde, secondo i dati della fondazione, in una situazione simile si trovano anche Lodi, con un Rt di 1,41, e incredibilmente anche Milano, con 1,36. Situazione ancora migliore, tanto da essere potenzialmente in zona gialla, per Sondrio (1,23) e Pavia (1,22). Le aree della nostra regione che invece risultano avere ancora numeri molto alti, da zona rossa, sono Como (1,93), Bergamo (1,72), Varese (Rt 1,65), Brescia (1,64), Lecco (1,61), Mantova (1,60), Monza e Brianza (1,55).

Del resto nella valutazione della zona dovrebbe rientrare anche il rischio, basato sui famosi 21 indicatori che ora le Regioni vorrebbero modificare. Senza contare che l’indice di replicazione è esposto a numerosi errori nel valutare la reale situazione di un territorio.

In un’intervista video pubblicata oggi, 18 novembre, sul sito regionale Lombardia Notizie, tuttavia, il presidente Attilio Fontana gela la possibilità che la nuova classificazione possa arrivare a breve: “Il dcpm impone che per due settimane gli indicatori vengano mantenuti stazionari se non in miglioramento, per cui fino al 27  novembre continueremo ad essere zona rossa. Se poi i numeri dovessero essere anche allora quelli di oggi o migliorati, dal 27 potemmo chiedere che vengano allentate le misure e si passi in zona arancione”.

lb

© Riproduzione riservata
Commenti