Cronaca
Commenta1

Panchina rossa contro la violenza di genere inaugurata in tribunale

E’ stata inaugurata stamattina, presso il tribunale di Cremona, la panchina rossa simbolo della lotta alla violenza contro le donne, voluta dal Comune di Cremona, Comitato pari opportunità, e dall’Ordine degli avvocati di Cremona in collaborazione con le Camere civili e penali nell’ambito delle iniziative per la Giornata internazionale celebrata il 25 novembre. Si tratta di una panchina recuperata presso le serre comunali, restaurata e tinteggiata di rosso. Un simbolo importante in un luogo dove il tema della violenza di genere viene costantemente trattato.

“Questa panchina è un segno che rimarrà presso il tribunale”, ha commentato Marzia Soldani, presidente dell’Ordine, “per la lotta contro la violenza alle donne. Purtroppo i numeri non calano neanche in questi giorni, ne abbiamo cognizione anche per i fatti recenti di cronaca. C’è la speranza che si arrivi ad una nuova educazione partendo anche dalle nuove generazioni”. Da parte sua, l’assessore alle Pari opportunità del Comune Rosita Viola ha parlato di “un gesto simbolico in un luogo molto importante e di una rete e un’alleanza unicamente per sostenere le donne che subiscono violenza”. L’assessore ha voluto ringraziare anche gli uomini presenti, “in quanto, essendo soprattutto un percorso culturale, bisogna che la parte maschile ci aiuti e sia anche un modello nei comportamenti e nelle relazioni interpersonali con le colleghe del tribunale e con le compagne di vita”. Barbara Manfredini, assessore alla Sicurezza e alla Polizia municipale, ha parlato a sua volta dell’importanza della collaborazione con tutte le istituzioni, “a partire dalla formazione dei nostri agenti. Attraverso il nostro servizio Tutela minori e donne, tutti gli anni ci troviamo ad incontrare  situazioni di violenza. Anche quest’anno ci sono almeno 40 casi. E’ quindi importante che questa rete di aiuto ci sia sempre e che questo messaggio parta da tutta la comunità, una comunità fatta di uomini e donne”.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti