Ultim'ora
Commenta

All'Einaudi dal 14 dicembre
giornate di Scuola aperta
in videoconferenza

All’Einaudi, in epoca Covid, l’appuntamento con la “Scuola aperta” torna, a partire da lunedì 14 dicembre, dalle ore 17 alle 18, con una modalità insolita, in videoconferenza, tramite Google Meet. E con un’importante novità rispetto al passato, in cui tutto si risolveva in unico giorno: la presentazione dell’offerta formativa durerà infatti un’intera settimana lavorativa, durante la quale, ogni indirizzo si metterà in vetrina con le proprie peculiarità ed i propri sbocchi professionali, secondo lo slogan “5 scuole in una!”.

“Siamo obbligati a ricorrere ad un supporto tecnologico, per evitare assembramenti” spiega la dirigente scolastica Nicoletta Ferrari, che aggiunge con grande convinzione “vogliamo tuttavia far capire che ci siamo, che siamo presenti, che non ci arrendiamo. Per tale ragione, i genitori si collegheranno da casa, mentre io, i miei collaboratori e gli alunni ci connetteremo dall’aula magna della sede principale di via Bissolati. In un momento così delicato e drammatico, si tratta di un segnale importante, che vuole tramettere sentimenti di fiducia e di speranza nel futuro”.

Il ghiaccio verrà stato rotto dal grafico, guidato con entusiasmo da Michela Balzarini. Con lei, oltre alla preside, ci saranno le vicarie Federica Gaboardi e Paola Galimberti, Angela Salomoni dell’Orientamento, Annalisa Prisco e Chiara Tessoni dell’Area Inclusione e due studenti di quinta, Yasmine Afdel e Leonardo Natalicchio, che sono anche membri del consiglio d’istituto. Il gruppo risponderà alle domande e mostrerà alcuni video realizzati per l’occasione. Successivamente, toccherà al turistico, con Monica Parrella e Lucrezia Mangano.

A seguire, il commerciale con Filomena Carone ed Anna Adele Fioretti, l’enogastronomico con Giuseppe Micocci ed il sociosanitario con Giuseppe Bonavita. Partecipare è facile:  basta lasciare un nominativo ed un indirizzo mail, nella sezione dedicata del sito, dove sarà possibile trovare il link di accesso. 

© Riproduzione riservata
Commenti