Cronaca
Commenta

Maestri del lavoro, altri 5 cremonesi insigniti della Stella al merito

Oltre ai dipendenti del Gruppo Arvedi (qui l’articolo completo), nel 2020 sono stati insigniti con la Stella al merito del lavoro anche altri 5 Maestri cremonesi.

Si tratta di Alberto Bassi (BCUBE S.p.A. – Casale Monferrato), Marco Gipponi (Timac Agro S.p.A. – Cremona), Annarita Manfredini (Confartigianato Cremona), Riccardo Speronello (Koening & Bauer S.p.A.- Tavazzano) e Coriolano Spotti (Poste Italiane S.p.A. – Cremona).

La Stella al merito del lavoro è una decorazione della Repubblica Italiana che riprende e continua l’analoga decorazione istituita durante il Regno d’Italia. Viene conferita dal presidente della Repubblica su proposta del ministro del lavoro ed in primis dall’azienda di appartenenza a cittadini italiani, lavoratori dipendenti, distintisi per singolari meriti di perizia, laboriosità e buona condotta morale ed almeno in uno di questi titoli: innovazioni, miglioramenti dei processi aziendali o delle misure di sicurezza, capacità di preparare le nuove generazioni.

Il 2020 è stato un anno “sicuramente proficuo in termini di Maestre e Maestri insigniti, ma purtroppo causa pandemia, non si è potuta tenere la consueta cerimonia del 1 maggio con consegna del Decreto Presidenziale e relativa Stella al Merito del Lavoro e neppure la comunicazione alla cittadinanza Cremonese”, come sottolineano dal Consolato di Cremona.

“Pur avendo contattato i neo maestri – continua – e dato loro il benvenuto nella Famiglia Magistrale non siamo riusciti a fornire loro una data in quanto non abbiamo nessuna previsione di consegna, la Presidenza Nazionale dei Maestri del Lavoro è in stretto contatto sia con Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che con la Segreteria del Presidente della Repubblica”.

Tutto dipenderà dall’andamento della pandemia. E’ sospesa infatti anche la Festa dei M.d.l. cremonesi , che si tiene annualmente in Palazzo Municipale a Cremona, alla presenza di diverse Autorità per festeggiare i neo Maestri.

© Riproduzione riservata
Commenti