Cronaca
Commenta

Programma ripresa economica, nel Cremonese finanziamenti per 277 milioni di euro

E’ pari a 277.612.000 euro il contributo in arrivo sul territorio cremonese da Regione Lombardia nell’ambito del Programma degli interventi per la ripresa economica, contenuto nella delibera approvata ieri in giunta regionale.

Soldi che serviranno al territrio per ripartire. In seguito a questo documento, i Comunie le Province interessati dovranno sottoscrivere una convenzione per la realizzazione delle opere, comprensiva di cronoprogramma, quadro economico e descrizione degli interventi.

Tra i contributi più sostanziosi, quelli legati al tema infrastrutture e mobilità,c’è ovviamente lo stanziamento per l’autostrada Cremona-Mantova, pari a 109.800.000 (costo complessivo 1.083.000.000).

Sono poi previsti 13 milioni di euro per la realizzazione della tangenziale di Dovera, 7 milioni per il collegamento tra Crema e Capralba e 6,8 milioni per la circonvallazione sud di Corte de’ Frati.

Sempre nell’ambio delle infrastrutture, è previsto il completamento della tangenziale est di Soresina attraverso la realizzazione del tratto di collegamento tra la SP84 e la SP47. Infine, sempre in questo ambito, c’è la riqualificazione del collegamento tra Capergnanica e Chieve, per 1.250.000 euro.

Finanziamenti importanti anche nel comparto delle Reti di trasporto sicure. I più sostanziosi sono i 4 milioni erogati per la messa in sicurezza di tratti di strade provinciali e i 2,5 milioni per la manutenzione della strada tra Cremona e Sesto, dove da tempo si segnalano problemi di sicurezza a causa di una sede stradale troppo stretta.

Per quanto riguarda Cremona città ci sono due interventi importanti che rientrano nel finanziamento: la messa in sicurezza della tangenziale urbana (2 milioni di euro) e la riqualificazione della copertura del Cavo Cerca in via dell’Annona (1 milione e 869mila euro), che consentirà di riaprire completamente la strada.

Tra gli altri interventi sul territorio, la nuova rotatoria a Pieve san Giacomo, per 1.250.000 euro, la manutenzione del primo lotto della gronda di Casalmaggiore (880.000 euro), la riqualificazione della rotatoria di Genivolta (600mila euro), la sistemazione della rotatoria di Casalmorano (200mila euro) e la sostituzione degli impianti di videosorveglianza nel Comune di Pandino (100mila euro) e la rotatoria di Ripalta Cremasca (600mila euro).

Nell’ambito della mobilità sostenibile, si prevedono erogazioni importanti per la realizzazione dei piazzali del terminal intermodale del porto di Cremona (un milione di euro). Stessa cifra stanziata per lavori da fare lungo il Po, da parte di Aipo, a cui si aggiungono 300mila euro per la creazione di nuove daesene e 200mila per il rinnovo della flotta di piccole imbarcazioni dedicate ai controlli lungo il fiume.

Gli altri interventi in questo comparto sono: ciclabile Casalmorano-Soresina – 715mila euro; ciclabile Madignano-Crema – 400mila euro; ciclabile Palazzo Trescore – 300mila euro; ciclabile Olmeneta e Pozzaglio – 600mila euro; ciclabile Grontardo e Scandolara Ripa d’Oglio – 600mila euro; completamento percorso tra Gussola, Martignana e Casalmaggiore – 400mila euro; collegamento ciclabile comun di Dovera – 100mila euro; ciclabile nel comune di Campagnola – 60mila euro; ciclabile Vailate-Misano – 100mila euro; tracciato in comune Malagnino – 150mila euro.

Altri interventi meno impattanti nell’ambito della transizione energetica e riconversione verde, c’è il rifacimento della piazzola ecologica per il comune di Robecco d’Oglio (100mila euro). Per le infrastrutture per la formazione è stato finanziato un intervento alla scuola di via Galatino a Soncino per 250mila euro.

Soldi anche per le infrastrutture sociali: ampliamento dei cimiteri a Palazzo Pignano (120mila euro), riqualificazione dell’immobile che ospita la sala civica di Pizzighettone (110mila euro), riqualificazione del cimitero nel Comune Agnadello (250mila euro).

Infine nel settore della cura del territorio e delle risorsa idrica c’è la riqualificazione urbana Azzanello, finanziata per 60mila euro.

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti