Cronaca
Commenta2

Vaccini Covid, lunedì 8 si parte in Fiera: ecco cosa bisogna sapere

Non si tratta ancora della vaccinazione aperta a tutte le fasce di età: ad oggi possono aderire gli over 80, categorie professionali sanitarie extra ospedaliere e personale scolastico.

Da lunedì 8 Marzo 2021 la sede vaccinale anti covid -19 dell’Ospedale di Cremona si trasferisce presso il padiglione 1 della Fiera di Cremona.

Un risultato frutto di un grandissimo gioco di squadra che ha visto, in primis, la collaborazione fra i vertici di CremonaFiere, dal Presidente Roberto Biloni al Direttore Massimo De Bellis, la Direzione strategica dell’ASST di Cremona e l’ATS della Val Padana. Collaborazione che si è concretizzata in piena condivisione con il Comune di Cremona e la Provincia di Cremona. In termini si sicurezza e coordinamento, fondamentale è stato il contributo del Prefetto Vito Danilo Gagliardi, del Questore Carla Melloni e della Protezione Civile che svolgerà un ruolo attivo per tutta la durata della campagna.

“Si è lavorato insieme in modo concreto – spiega Rosario Canino (Direttore Sanitario ASST di Cremona); tutte le parti coinvolte, da subito, si sono rese disponibili per trovare la soluzione più congeniale e facilitare la vaccinazione dei cittadini. La tutela della salute è stato nostro comune obiettivo, per questo ciascuno ha fatto la propria parte con grande competenza e disponibilità. Sarà così anche nei prossimi mesi”.

“L’11 marzo del 2020 l’OMS dichiarava la Pandemia da Covid 19 – spiega Giuseppe Rossi (Direttore Generale ASST di Cremona), a un anno di distanza (la scienza ha agito a tempo di record) possiamo disporre dei primi vaccini certificati e per questo sicuri. Nonostante la situazione sia ancora estremamente seria, a causa della recrudescenza del virus e dell’incremento dei ricoveri, l’implementazione dalla campagna vaccinale anti Covid è un fatto positivo e molto importante.

Il vaccino rappresenta l’unica possibilità che abbiamo per fronteggiare questa malattia, dobbiamo impegnarci al massino per favorire la più grande adesione possibile”.
“Trasferire il Centro vaccinale dall’Ospedale in Fiera ha comportato un impegno notevole e un grande dispiego di forze. Tutti siamo molto motivati, questa è l’unica strada possibile per uscire dall’incubo del Covid – continua Canino.

La popolazione di riferimento dell’ASST di Cremona – esclusi i cittadini con età inferiore a 16 anni – calcolando un’adesione di circa il 70% – è di 120mila persone (85.000 Cremona; 21 Casalmaggiore; 15 Soresina). Compatibilmente con la disponibilità delle dosi, la previsione è quella di vaccinare complessivamente circa 1200 persone al giorno.

“Durante l’allestimento della sede in Fiera, la sensazione prevalente è stata quella di vivere qualcosa senza precedenti – aggiunge Antonella Laiolo (Responsabile Servizio Vaccinazioni). Anche se in passato ci sono state altre campagne di massa (una sola fiala e meno burocrazia), quella anti-covid ha una connotazione epocale perché coinvolge il mondo intero”.
“La fatica di questi mesi è stata compensata dalla bellezza di vedere tanti operatori darsi da fare con passione e un unico intento – continua Laiolo. Nelle ultime settimane ho incontrato moltissime persone con più di 80 anni, tutte desiderose di vita. Mi ha colpito la loro consapevolezza verso l’importanza e la necessità di vaccinarsi. Non c’è stato bisogno di spiegare, la loro generazione ha fatto la grande guerra, affrontato la spagnola, sperimentato sulla propria pelle i benefici del vaccino anti-polio. Sono un esempio da seguire, un segno di speranza anche per le nuove generazioni”.

“Il desiderio sarebbe quello di ringraziare uno ad uno tutte le persone che in queste settimane si sono prodigate per rendere possibile l’avvio della campagna vaccinale che è partila lo scorso 27 dicembre con i sanitari – aggiunge Canino. Mi limito a citare i servizi, sperando di non dimenticare nessuno. Un grazie enorme a: personale del comparto (infermieri, assistenti sanitari, tecnici di laboratorio, Oss) medici, medici volontari e specializzandi; al personale Amministrativo (Ufficio Tecnico, CUP, Sistemi informativi, Risorse Umane, Ingegneria clinica, Servizio di Protezione e prevenzione, Ufficio Acquisti, Ragioneria).
Grazie a: Direzioni mediche di presidio, Direzione delle professioni sanitarie (DAPS), Servizio vaccinazioni, Farmacia aziendale, Servizi territoriali, Infermieri di Comunità, Medici di Medicina Generale, Ufficio Comunicazione”.
Infine un pensiero colmo di gratitudine per i volontari di SIAMO NOI che da molte settimane sono al nostro fianco nella gestione dell’accoglienza. In fiera saranno più di 60, un esercito gentile, operoso quanto indispensabile. Grazie anche ai volontari dell’AUSER Cremona che stanno compiendo un’opera di sostegno encomiabile, soprattutto per i più fragili”.

ATS VAL PADANA, GRAZIE AL LAVORO IN RETE, CAMBIO DI PASSO PER LA CAMPAGNA VACCINALE

“L’apertura del polo dell’ASST di Cremona in Fiera, nato grazie al lavoro di rete tra ASST, Ente Fiera, Comune e ATS, segna un cambio di passo nella capacità di incrementare l’offerta vaccinale sul territorio cremonese – spiega Salvatore Mannino (Direttore Generale ATS Val Padana).
Per assicurare al nuovo assetto organizzativo la massima efficacia, sarà fondamentale il contributo dei medici di famiglia e di tutto il personale sanitario – medici, infermieri, assistenti sanitari, ostetriche, ecc. – ed amministrativo, messi a disposizione anche da altri enti sanitari e sociosanitari o reclutati attraverso i vari bandi aperti a livello nazionale, regionale e locale, che affiancheranno il personale dell’ASST per consentire piena operatività all’assetto messo in campo.
Indispensabile sarà anche il supporto dei volontari della Protezione Civile e delle associazioni, realtà fertile e preziosa di questo territorio, che si sono già resi disponibili in gran numero per contribuire alla riuscita della campagna vaccinale”.

“L’unione delle istituzioni locali è determinante per sostenere il territorio – dichiara il Presidente di CremonaFiere Roberto Biloni. Questa collaborazione fra le principali realtà cittadine è fondamentale per rispondere all’esigenza di essere concreti e tempestivi consentendo una procedura di vaccinazione rapida per la messa in sicurezza della salute dei cittadini oltre ad accorciare i tempi per la ripresa anche economica. Per questi motivi così importanti il consiglio d’amministrazione della Fiera d’accordo anche con le realtà politiche del territorio ha deciso subito di mettersi a disposizione della comunità”.

“L’intera procedura dura mezz’ora – spiega il Direttore di CremonaFiere Massimo De Bellis-. L’accessibilità del quartiere fieristico è un elemento determinante. Partendo dal parcheggio esterno della Fiera per gli utenti e da un parcheggio interno per anziani e disabili si giunge al padiglione 1 per poi proseguire con la reception e l’accoglienza, la zona di sosta per l’anamnesi con gli operatori sanitari, la compilazione della modulistica e l’attesa pre-vaccino, il vaccino, le postazioni amministrative e l’attesa post vaccino”.

SCHEDA PRATICA
Il padiglione 1 della Fiera di Cremona è risultata la sede più idonea per ottenere una maggiore efficienza nel proseguire la campagna vaccinale. Gli ampi spazi a pian terreno, permetteranno di vaccinare molte persone e mantenere il distanziamento corporeo.
La struttura è dotata di un ampio parcheggio, di stalli per persone con disabilità o problemi di deambulazione nelle immediate vicinanze dell’ingresso ed è priva di barriere architettoniche.
Per chi avesse difficoltà a muoversi in autonomia sono disponibili gli ausili (sedie a rotelle).
CremonaFiere, Piazza Zelioli Lanzini Ennio, 1- 26100 Cremona

ORARIO DI APERTURA: Tutti i giorni della settimana dalle 8.30 alle 19.30

IL PERCORSO INTERNO AL PADIGLIONE:  Il percorso è suddiviso in sei macro aree: Accoglienza, Anamnesi (raccolta storia clinica), Attesa prima del Vaccino, Vaccinazione, Registrazione appuntamento seconda dose e rilascio certificato vaccinale (CUP), Osservazione post vaccino.

TARGET: Continua la vaccinazione dei seguenti target: persone con più di 80anni (Over 80) e operatori sanitari extra ospedalieri (questi accedono mediante segnalazione agli ordini professionali). Inizia la vaccinazione del personale scolastico.

QUALI VACCINI VENGONO SOMMINISTRATI: Pzifer e AstraZeneca

COME ADERIRE: Per aderire alla campagna è necessario registrarsi al portale vaccinazionicovid.servizirl.it
avere la Tessera sanitaria
avere un numero di cellulare o di telefono fisso.

La domanda di adesione può essere compilata dal cittadino interessato, medico di medicina generale, farmacista. Gli appuntamenti vengono comunicati tramite SMS o telefonata (se è stato fornito il solo numero fisso). Per effettuare la vaccinazione è necessario avere con sé la Tessera Sanitaria-Carta Nazionale dei Servizi.

Per ridurre il tempo di permanenza è preferibile pre- compilare i seguenti moduli:
– Anamnesi
– Nota informativa relativa al vaccino
– Consenso al vaccino
– Consenso alla comunicazione dei dati personali (privacy)

I moduli sono scaricabili dal sito di ASST di Cremona:  https://www.asst-cremona.it/web/guest/campagna-vaccinale-covid-19.
Una volta pre-compilati verranno condivisi con il medico durante l’anamnesi.

I vaccinandi di età inferiore ai 55 anni (ovviamente delle categorie a cui è indirizzata questa campagna vaccinale)  dovranno pre-compilare la doppia modulistica (per Pfizer  e per Astrazeneca). Questo perché non è possibile stabilire a priori quale vaccino sarà disponibile il giorno dell’inoculo.

INFORMAZIONI: Numero verde 800 89 45 45
Sito Regione Lombardia vaccinazionicovid.regione.lombardia.it

© Riproduzione riservata
Commenti