Eventi
Commenta

Restiamo connessi, dal 15 al 28 marzo in scena 'L'Orfeo nel metrò'

Ultimo appuntamento con #RestiamoConnessi e con uno spettacolo intrigante e particolare. Nelle settimane che vanno da lunedì 15 fino a domenica 28 marzo sarà disponibile sul sito teatro (teatroponchielli.it) e canali social l’Orfeo nel Metrò, un’opera lirica sui generis, che ha inaugurato il Monteverdi Festival 2019.

L’azione è ambientata in un vagone di una immaginaria metropolitana, in cui prendono vita e voce le avventure di Orfeo e le superbe musiche di Claudio Monteverdi.

La regia è di Luigi De Angelis, mentre la direzione di Hérnan Schvartzman, che ha guidato i giovani cantanti e musicisti della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado.

Dieci giovani cantanti selezionati attraverso un bando per studenti ed ex studenti di canto rinascimentale e barocco dei conservatori italiani, hanno fatto parte del cast dell’opera L’Orfeo di Claudio Monteverdi, con la regia di Luigi De Angelis e direzione di Hernán Schvartzman, che ha inaugurato il Monteverdi Festival 2019.

Anche l’ensemble che ha accompagnato i cantanti è costituito da studenti ed ex-studenti della Civica Scuola di Musica. Ed Orfeo nel metrò è uno spettacolo contemporaneo con un altissimo valore formativo: il regista Luigi De Angelis costruisce i suoi spettacoli sugli artisti con cui lavora, plasmando i personaggi dell’opera sui singoli cantanti. Il lavoro drammaturgico e scenico è particolarmente approfondito, con l’azione che si svolge all’interno di un ideale “vagone” di metrò, dove non c’è distinzione tra palcoscenico e platea, ma tutti agiscono nello stesso spazio teatrale. 

 

© Riproduzione riservata
Commenti