Ambiente
Commenta

Assemblea enti Contratto
di Fiume, la firma entro l'estate

L’emergenza sanitaria non ferma il percorso del Contratto di Fiume della Media Valle del Po. Oggi a Piacenza si sono riuniti i sottoscrittori dell’Accordo Territoriale “Verso il Contratto di Fiume” firmato nel 2016 alla presenza dell’allora Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio.

L’attenzione nei confronti del distanziamento sociale ha fatto sì che, in presenza, nella sede del Comune di Piacenza, vi fossero solo i rappresentanti degli Enti capofila, il Vice Sindaco Andrea Virgilio per il Comune di Cremona, l’Assessore Paolo Mancioppi per il Comune di Piacenza e, per la Provincia di Lodi, il Consigliere Enrico Sansotera, mentre i rappresentanti di AIPO (Agenzia Interregionale per il Fiume Po), Autorità di Bacino Distrettuale del Fiume Po (AdBPo), dei Comuni del territorio della Media Valle che hanno aderito al Contratto di Fiume, dei Consorzi Dunas, Navarolo e di Piacenza e degli Enti Gestori dei Servizi Idrici Padania Acque S.p.A. e Società Acqua Lodigiana si sono collegati da remoto.

Con i sottoscrittori è stato condiviso il lavoro svolto dal 2016 ad oggi e che, frutto del grande ascolto delle realtà territoriali e di un dialogo strutturato e intersettoriale, ha condotto alla costruzione del Piano d’Azione, vero e proprio pilastro della strategia solida e concreta del Contratto di Fiume.

Per il Comune di Cremona, il Vice Sindaco Andrea Virgilio ha illustrato il capillare lavoro svolto dal Settore Area Vasta, lavoro coordinato dalla dirigente Mara Pesaro, grazie al quale sono stati individuati obiettivi e proposte di azioni che riguardano tematiche fondamentali nel campo della sostenibilità, dell’ambiente e del paesaggio: qualità delle acque e servizi ecosistemici del territorio fluviale, mobilità sostenibile, riqualificazione ambientale ed educazione ambientale.

Un aspetto particolarmente condiviso è quello di incentivare le attività delle crociere fluviali anche attraverso l’utilizzo dell’intermodalità dolce (treno-bici-barca). A tale scopo il Comune di Cremona ha predisposto un progetto di mappatura con i percorsi ciclabili attualmente percorribili insieme alle analisi delle richieste avanzate dai singoli Comuni che fanno parte del Contratto di Fiume per valutarne l’avanzamento. Sono state inoltre avanzate proposte infrastrutturali in grado di dare completezza e senso alla rete ciclabile.

Fondamentale è stato l’avvio delle attività di censimento delle aree a disposizioni dei Comuni o comunque pubbliche, ad esempio quelli appartenenti al Demanio, di definizione delle relative destinazioni d’uso, nonché delle possibilità e opportunità di acquisizione, sia per gli procedurali necessari sia per la tempistica stabilita da bandi che via via vengono emanati.

È stato infine condiviso il testo del Contratto di Fiume che, in base al cronoprogramma, sarà firmato nel corso dell’estate 2021.

© Riproduzione riservata
Commenti